A Mediaset si aprono le danze del toto-Toti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Giovanni Toti sembra proprio lanciato verso il grande salto come coordinatore di Forza Italia. Non è un mistero infatti la stima che il Cavaliere nutre nei confronti del direttore di Tg4 e Studio aperto. Se dovesse concretizzarsi la proposta per Toti, il direttore generale dell’informazione di Mediaset, Mauro Crippa, dovrebbe trovare in fretta due direttori da designare per i tiggì di Retequattro e Italia 1. Sono già diversi i puledri che scalpitano. Su tutti c’è Giorgio Mulè, attuale direttore di Panorama. In prima fila ci sono anche i soliti noti, cioè quei direttori di Cologno abituati a togliere le castagne dal fuoco senza scottarsi. Ogni riferimento a Mario Giordano e Claudio Brachino non è puramente casuale. Ma se i diretti interessati dovessero entrare nell’orbita giusta, bisognerebbe trovare anche i loro sostituti. Sono direzioni che contano mica pizza e fichi. Sul piatto ci sono le poltrone di Panorama, Videonews e di responsabile dello sport di Mediaset. Ma i nomi dei papabili che circolano non si limitano solo a Mulè, Giordano e Brachino. C’è un’altra triade che va forte. Si tratta di Alessandro Sallusti e Nicola Porro, direttore e vice del Giornale, e di Siria Magri, la vice di ferro di Giordano a Videonews, nonché moglie proprio di Toti. Difficilmente le verrà assegnata la scrivania del marito, tuttavia può prendere il posto Giordano qualora quest’ultimo dovesse andare al Tg4. Porro potrebbe andare a Panorama.

Le feste di Nonna Rai
La tv delle feste è una specie di festival del dvd. Con l’unica differenza che per rivedere Pomi d’ottone e Mary Poppins paghi pure il canone. Tuttavia, i grandi classici continuano a fare ascolti a distanza di decenni. Anche perché non c’è alternativa. Oltre 1,8 milioni hanno rivisto i manici di scopa e quasi 1,2 milioni Mary Poppins. Per la felicità di Giancarlo Leone e Andrea Vianello, direttori di Rai1 e Rai3, che senza spendere un euro hanno potuto ballare il Supercalifragilistichespiralidoso e prendere un po’ di zucchero per mandare giù la pillola degli ascolti. Invece non è andato bene, come i classici Disney, l’ennesimo passaggio in tv del film Chi ha incastrato Roger Rabbit, che in prima serata ha raccolto 1.147.000 telespettatori, per uno share dell’8,62%. Non certo un risultato da conservare negli annali di Raiuno. Anche le tv di Mediaset, comunque, non hanno rinunciato alla tradizione. Bianco, rosso e Verdone, I tre moschettieri e Mani di forbice hanno accompagnato i pomeriggi festivi del telespettatore, che seppure tra qualche sbadiglio ha finito per rimpiangere i film cult non appena ha visto il programma di Albano.

Le palle di Natale
Retequattro le sta provando tutte per conquistare ascolti. Sapete ancora adesso qual è il programma più visto della settimana? L’unico che va in doppia cifra? La Santa Messa della domenica (un milione di telespettatori e oltre il 10% di share). Ma anche Papa Bergoglio si conferma campione di ascolti. L’Angelus di domenica è stato visto in diretta tv da una media di telespettatori di quasi 2,9 milioni (21% di share). Non conoscono battute d’arresto né Linea Verde di Ingrid Muccitelli (quasi 4 milioni) né l’Arena di Giletti. Molto bene anche l’Arca di Noè di Canale 5 (2,5 milioni). Inizio d’anno da dimenticare per Speciale Tg1, sceso al 6% di share.