A Roma entrano in servizio 80 nuovi autobus. Raggi: “Questo è solo il primo passo. Entro 12 mesi saranno 227. Trattateli bene perché sono vostri”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono stati presentati questa mattina a Tor Bella Monaca i nuovi autobus arrivati ieri nella Capitale che fanno parte dei 227 acquistati da Atac con la gara Consip. A entrare in funzione, tra oggi e domani, saranno 80 bus della nuova serie Citymood, che verranno assegnati alle principali rimesse Atac, per consentire una distribuzione omogenea su tutto il territorio cittadino.

I primi 60 mezzi saranno dislocati: 20 da 10 metri saranno dislocati ad Acilia, 20 da 12 metri a Grottarossa, 10 da 12 metri a Magliana, 20 da 12 metri a metano a Tor Sapienza e 10 da 12 metri a metano a Tor Pagnotta. A inaugurare i nuovi mezzi (24 saranno in servizio nella zona di Tor Bella Monaca), la sindaca di Roma, Virginia Raggi, l’amministratore unico di Atac, Paolo Simioni, e l’assessore alla Mobilità, Linda Meleo.

I nuovi bus, nel corso del mese di agosto verranno utilizzati per svolgere il servizio sostitutivo di superficie delle tratte di metro A interrotte per i lavori sull’infrastruttura.  Successivamente verranno utilizzati sulle principali linee della città, sia in centro che in periferia, tra le quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, lo 075 e il 508, zona Tor Bella Monaca; il 98 e il 775, zona Corviale; lo 063, zona Stazione Acilia; il 309 e il 544, zona Casal Bruciato. Entro ottobre tutti i 227 nuovi bus saranno su strada.

“Presentiamo il primo lotto di bus, sono nuovi, sono vostri, sono tutti per voi, inizieranno a circolare oggi pomeriggio – ha detto Raggi -. Trattateli bene perché sono vostri. Mettiamo su strada nuovi autobus per rafforzare le linee periferiche della nostra città. Con queste vetture rinnoviamo e svecchiamo un parco mezzi con un’età media di oltre 12 anni. Da qui ai prossimi mesi, a cascata, saranno in circolazione tutti i 227 bus. Questo vuol dire meno attese alle fermate, collegamenti che funzionano e un servizio migliore per tutti i cittadini. Questo è solo il primo passo”.

“Atac è stata salvata per voi e perché è nostra – ha aggiunto la sindaca della Capitale – abbiamo voluto salvare due aziende con questa operazione: Atac che era sull’orlo del collasso ed Industria Italiana Autobus che ha prodotto i bus. Stiamo cercando di implementare molto il servizio nelle periferie, quindi era scontato partire da qui con i nuovi bus”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA