Accuse pretestuose sulla Raggi. Dopo tre anni i poteri forti rivogliono il Campidoglio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il biglietto d’auguri più affettuoso gliel’ha recapitato Il Messaggero, il giornale di Roma che non l’ha mai amata, ma che da ieri è ufficialmente un organo d’informazione nemico della sindaca Virginia Raggi. A ricordarsi dei tre anni di amministrazione della sindaca più odiata dalla criminalità e dai comitati d’affari, sono stati però anche altri, a cominciare da Matteo Salvini ormai “sparatissimo” nella campagna elettorale per prendersi il Campidoglio, fino all’ex ministra di Forza Italia Mara Carfagna, primo proponente di un commissario di Governo per sfrattare topi e gabbiani, malgrado siano residenti fissi dai tempi di Romolo e Remo.

Accusata di inerzia e incapacità, la prima cittadina ha risposto su Facebook, squarciando il velo d’ipocrisia di chi se c’era dormiva quando la città affondava nel degrado, e per di più si creava un immenso debito senza nemmeno affrontare i problemi. Ora, come i nostri lettori sanno bene, La Notizia è un quotidiano che non ha editori con le mani in pasta nei business della città o che sono ancora offesi per il no alle Olimpiadi, e non deve sostenere scalate politiche. Per questo possiamo guardare senza preconcetti al lavoro di questi tre anni, e senza negare alcuni importanti errori non arriviamo affatto alle conclusioni del giornale di via del Tritone, forse non a caso ieri letteralmente sommerso dagli insulti sui social network. Sui rifiuti, i trasporti e il ripristino della legalità questi tre anni sono stati rivoluzionari.

Per chi non ha trovato traccia sull’edizione di ieri del Messaggero ricordiamo che prima avevamo un re incontrastato del trattamento dei rifiuti, il signor Manlio Cerroni, padrone di Malagrotta, la più grande discarica d’Europa, al quale proprio l’editore del giornale che attacca la Raggi, l’ingegner Franco Caltagirone, voleva contendere lo scandaloso monopolio, tanto da voler spingere verso il business dei rifiuti l’Acea di cui era diventato grande azionista. Poi Cerroni è finito in mezzo alle inchieste giudiziarie e Caltagirone ha dato via le sue azioni dell’utility capitolina, dove da qualche tempo – guarda la coincidenza! – ha cominciato a ricomprare titoli, evidentemente nella prospettiva di affari futuri.

La Raggi intanto che ha fatto? Ha imposto a Cerroni un contratto per la raccolta dei rifiuti e oggi – ma guarda che altra coincidenza! – dobbiamo tenere l’esercito a guardia dell’impianto di trattamento di Rocca Cencia, dopo due stranissimi incendi che hanno pregiudicato lo smaltimento della spazzatura, per non parlare di oltre 600 cassonetti bruciati.

UNA FORESTA CHE CRESCE. Sul piano dei trasporti, l’azienda degli autobus, l’Atac, si portava dietro un debito superiore all’Alitalia. Si è avviato per la prima volta nella sua storia un concordato, cioè l’ultima e più faticosa azione per impedire all’azienda di non fallire, lasciando tutti a piedi, romani e turisti. Persino più compromessa era la legalità all’interno della gigantesca macchina comunale, dove ai fornitori servivano più che altro amici buoni, visto che gli affidamenti diretti andavano di moda, in attesa delle gare. Così la corruzione era diventata lo stile della casa, come ci ha fatto vedere chiaramente l’inchiesta su Mafia Capitale.

Le cose su cui si è agito, dunque, sono state profonde, alla base dei problemi che si trascinano da decenni. I romani possono essere contenti? No, perché gli effetti in superficie non si vedono, ma un’analisi priva di condizionamenti editoriali e politici non può ignorare che un albero che cade fa più rumore di una foresta che cresce, e mentre è facile fermarsi ad osservare quello che non funziona si perdono di vista i cambiamenti strutturali, quelli più ingrati ma senza i quali tra dieci anni saremo ancora qui a dirci che le strade hanno le buche e al Comune rubano tutti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA