Acufene, cos’è: sintomi, cause e rimedi della malattia che ha colpito Caparezza

Acufene, cos’è: sintomi, cause e rimedi della malattia che ha colpito Caparezza, costringendo il rapper a rinunciare ai live.

Acufene, cos’è: sintomi, cause e rimedi della malattia che ha colpito Caparezza, costringendo il rapper a rinunciare ai live.

Acufene, cos’è: sintomi, cause e rimedi della malattia che ha colpito Caparezza

Caparezza: “Soffro di acufene, faccio questi venti concerti e mi fermo”

Nel brano Larsen tratto dall’album Prigionieri 709, Caparezza aveva già raccontato di soffrire di acufene e ipoacusia. A distanza di anni, l’artista ha deciso di annunciare il suo ritiro dai live in concomitanza con l’avvio del suo tour estivo.

Nel corso di un’intervista rilasciata a Il Resto del Carlino, ha annunciato: “Faccio questi venti concerti e mi fermo. Non posso rischiare troppo – e ha aggiunto –. Soffrendo di acufene e ipoacusia non posso più fare lunghi giri di concerti come accadeva in passato. In questi sette anni di difficoltà ho incontrato tanti colleghi che m’hanno detto senti questo, fatti vedere da quello, io l’ho fatto ma non è cambiato alcunché. Così ho smesso di cercare cure miracolose per il mio deficit uditivo. Lì per lì, quando ho scoperto di non poter più ascoltare la musica in cuffia, sono andato in crisi, pensando al mio corpo come a una prigione. Così ho provato di tutto, pillole, iniezioni, psicoterapia, ma alla fine ho capito che dovrò semplicemente tenermelo e magari pensare ad altro, distrarmi”.

Acufene, cos’è: sintomi, cause e rimedi della malattia

L’acufene viene descritto come un rumore fantasma che non proviene da una reale sorgente sonora esterna. La sua origine nell’orecchio interno e nel cervello non è ancora stata accertata a livello medico ma è stato stabilito che non si tratti di una malattia a se stante ma di un sintomo.

Ogni soggetto affetto da acufene avverte i suoni a volume, tonalità e livello diversi. Il suono può essere sentito in un solo orecchio o al centro della testa e può verificarsi a fasi transitorie, essere costante o con frequente ondulatorie. Di solito, il sintomo si accompagna a patologie dell’udito.

Talvolta, per alleviare il problema, è sufficiente consentire al proprio udito di riposare. Se il problema persiste, tuttavia, è necessario consultare un esperto.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram