Aereo privato precipita su una palazzina a San Donato Milanese, otto i morti. L’Ansv indaga sulle cause dell’incidente. Ai comandi c’era un magnate romeno. Tra le vittime anche un bimbo

INCIDENTE AEREO SAN DONATO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È di otto vittime il bilancio dell’incidente aereo avvenuto ieri a San Donato Milanese: a perdere la vita tutte le persone che si trovavano a bordo del velivolo da turismo partito dall’aeroporto di Milano Linate e diretto in Sardegna. La conferma è arrivata in serata dall’Agenzia regionale emergenza urgenza che inizialmente aveva comunicato il decesso di sei persone (il pilota e 5 passeggeri). “A seguito di ulteriori verifiche – si legge in una nota – le persone decedute a bordo del velivolo risultano otto (un pilota e 7 passeggeri)”.

Sono ancora in corso le operazioni di identificazione dei corpi. Al momento non risultano altre persone coinvolte nell’evento. Il velivolo si è schiantato su un palazzo in via Marignano, vicino alla stazione della Metropolitana. L’incidente aereo è avvenuto all’incrocio tra via 8 ottobre 2001 e via Marignano, nella zona di San Donato. Sul posto sono intervenuti: elisoccorso, un’automedica, quattro ambulanze, vigili del fuoco, carabinieri, polizia e vigili urbani. Nella palazzina su cui l’aereo è caduto, adibita a parcheggio, non c’erano persone. I Vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte sul luogo dello schianto.

L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha aperto un’inchiesta e disposto l’invio di un investigatore sul posto. “A quanto risulta attualmente – si legge in una nota dell’Ansv -, il velivolo PC-12 marche di identificazione YR-PDV, decollato da Linate alle 13:04 locali con destinazione Olbia, ha impattato contro uno stabile, a San Donato milanese, incendiandosi”.

Ai comandi dell’aereo privato c’era Dan Petrescu, 68enne romeno, magnate del settore immobiliare, con lui c’erano anche il figlio di 30 anni, Dan Stefan Petrescu, e sua moglie, 65 anni e altre 5 persone, tra cui un bimbo nato nel 2020.