Ai domiciliari il procuratore capo di Taranto. Capristo è indagato per corruzione in atti giudiziari. Quando era a Trani avrebbe cercato di orientare alcune indagini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Arresti domiciliari per il procuratore della Repubblica di Taranto, Carlo Maria Capristo. Il magistrato è accusato di corruzione in atti giudiziari insieme a un ispettore della Polizia di Stato, in servizio nella stessa Procura tarantina e a tre imprenditori della provincia di Bari. Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero compiuto “atti idonei in modo non equivoco” a indurre un giovane sostituto presso la Procura di Trani a perseguire penalmente una persona che gli imprenditori, considerati i mandanti, avevano denunciato per usura.

Il magistrato, però, non solo si oppose fermamente, ma denunciò tutto. Per la denuncia – ha stabilito l’inchiesta avviata circa un anno fa – non vi erano presupposti né di fatto né di diritto. Capristo e l’ispettore sono “gravemente indiziati di truffa ai danni dello Stato e falso” in quanto l’agente risultava presente in ufficio e percepiva gli straordinari, ma in realtà era a casa a svolgere “incombenze” per conto del procuratore. Nell’ambito della stessa inchiesta risulta indagato, per abuso d’ufficio e favoreggiamento personale, anche un altro magistrato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA