Amarcord Pd. Quando i dem chiedevano le dimissioni di Berlusconi perché la disoccupazione giovanile era al 29%. Oggi è al 40%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I dati Istat parlano chiaro: la disoccupazione giovanile a dicembre ha superato quota 40%. Il Partito Democratico, si voglia o meno, diretto responsabile di tali dati, essendo la forza di Governo, ha glissato e preferito non commentare. Però l’internet non dimentica. E così l’europarlamentare M5S Ignazio Corrao, sulla sua pagina Facebook, ha pubblicato un post ricordando una locandina pubblicata dal Partito Democratico nel 2011. Nella locandina, nero su bianco, si legge: “La disoccupazione giovanile al 29%. Berlusconi dimettiti“.

Insomma, i dem chiedevano le dimissioni a Silvio Berlusconi perché, nel 2011, la disoccupazione giovanile era al 29%. Oggi che è superiore di 11 punti percentuali, nessuno – ovviamente – osa chiedere un passo indietro a Matteo Renzi o a Paolo Gentiloni. Già, i tempi cambiano…

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA