Ancora uomini che odiano le donne, a Bologna un 35enne accusato di aver fatto bere soda caustica alla fidanzata incinta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un nuovo caso di violenza sulle donne. Questa volta a Bologna un uomo, di 35 anni, è stato fermato con l’accusa di aver fatto bere – avvelenatore una bevanda – della soda caustica alla fidanzata, un donna di 45 anni, di Bazzano, incinta e molto vicina al parto. L’ingestione della sostanza ha provocato gravi danni all’apparato digerente della donna, ora ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Maggiore di Bologna.

I Carabinieri del Nas, in collaborazione con i militari della stazione di Bazzano, hanno effettuato controlli nel negozio, ma le verifiche hanno dato esito negativo: l’attività commerciale non ha alcuna responsabilità. Per questo il fidanzato è stato interrogato a lungo, per avere un quadro chiaro della situazione, fino a che nel suo racconto non sono emerse delle incongruenze. E quindi ci sarebbe stata l’ammissione sul fatto che è stato lui a mettere la soda caustica nella bottiglietta incriminata. Ora deve rispondere all’accusa di lesioni gravissime.

La dinamica dei fatti
Secondo la ricostruzione effettuata degli investigatori, il fatto si è svolto così: martedì sera la donna ha bevuto la soda caustica, messa in una bevanda gassata, avvertendo successivamente forti dolori al ventre e vomito. Immediatamente ha chiamato l’ambulanza, che l’ha trasportata in ospedale dove sono state somministrate le prime cure a cominciare dalla lavanda gastrica. Anche il movente sarebbe stato individuato: l’ipotesi più accreditata parla di un’azione legata alla gravidanza non voluta dal 35enne, che avrebbe messo la soda caustica nella bottiglietta con l”intenzione di provocare un aborto. La relazione tra i due risulta essere stabile, ma la coppia non è convivente.

La donna è sempre sotto stretta osservazione dei sanitari dell’ospedale Maggiore di Bologna, nel reparto di terapia intensiva. Tuttavia, stando alle ultime notizie trapelate, le sue condizioni sarebbero in miglioramento e il feto non avrebbe subito danni dall’avvelenamento. Ma per avere la certezza si attendono i bollettini medici. Un fatto è comunque certo: negli ultimi giorni da Roma, con la morte di Sara Di Pietrantonio, a Milano con il caso di Carlotta Benusiglio, è scattata l’emergenza degli uomini che odiano le donne.