Arrestata a Milano la dama del Cardinale. La Finanza ha fermato su ordine del Vaticano la manager Marogna. E’ legata a Becciu. Fondi della Santa sede spesi per beni di lusso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Guardia di Finanza di Milano, su ordine dell’autorità giudiziaria vaticana, ha arrestato in serata Cecilia Marogna, la 39enne manager cagliaritana divenuta nota come la “dama del cardinale” per i suoi rapporti, in qualità di consulente in relazioni diplomatiche, con l’ex numero due della Segreteria di Stato vaticana, il cardinale Angelo Becciu, al centro degli scandali che hanno investito la Santa Sede nelle ultime settimane. Nei confronti della Marogna gli inquirenti del Vaticani hanno emesso un mandato di cattura internazionale attivando l’Interpol. Al centro dell’inchiesta, come rivelato da un’inchiesta de Le Iene, ci sarebbero alcuni bonifici, per circa mezzo milione di euro, ricevuti dalla Santa Sede per operazioni segrete umanitarie in Asia e Africa, e finiti, quasi per la metà, nell’acquisto di borse, cosmetici e altri beni di lusso.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA