Arrestato a Parigi l’ex terrorista delle Br Maurizio Di Marzio. Era sfuggito agli arresti di fine aprile. Deve scontare ancora 5 anni di carcere

Maurizio Di Marzio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La polizia francese ha arrestato questa mattina a Parigi l’ex terrorista della Brigate Rosse, Maurizio Di Marzio, per il quale l’Italia chiedeva l’estradizione. Di Marzio era sfuggito all’operazione di fine aprile durante la quale erano finiti in manette dieci ex terroristi considerati ancora latitanti dalla giustizia italiana (leggi l’articolo).

Il provvedimento depositato l’8 luglio dalla Corte d’Assise di Roma, fanno sapere fonti del ministero della Giustizia, ha stabilito che non è ancora prescritta la sua pena, come era emerso in un primo momento.

L’ex Br Di Marzio, l’ultimo dei latitanti di cui è stato ordinato l’arresto in Francia, partecipò al tentativo di sequestro del poliziotto Nicola Simone. L’ex brigatista deve ancora scontare 5 anni e 9 mesi di reclusione per banda armata, associazione sovversiva, sequestro di persona e rapina.

Il 30 aprile scorso, dopo nemmeno 24 ore dal blitz con cui erano stati fermati i primi sette ex terroristi dell’estrema sinistra, responsabili di alcune delle pagine più nere della storia d’Italia e a seguito della decisione di altri due di consegnarsi alle autorità francesi (leggi l’articolo), il giudice di Parigi aveva stupito tutti rimettendoli in libertà vigilata.

Durante l’operazione erano stati arrestati il fondatore di Lotta Continua Giorgio Pietrostefani, condannato a 14 anni, 2 mesi e 11 giorni, Narciso Manenti, ex Nuclei Armati Contropotere Territoriale su cui pende una condanna all’ergastolo, e cinque ex membri delle Brigate rosse. Si tratta di Giovanni Alimonti, che deve scontare una pena di 11 anni, 6 masi e 9 giorni; Enzo Calvitti, condannato a 18 anni, 7 mesi e 25 giorni; Roberta CappelliMarina Petrella e Sergio Tornaghi, quest’ultimi condannati all’ergastolo.

Leggi anche: Quanti sono e chi sono i terroristi italiani ancora latitanti. Nell’elenco dei target di “primario interesse” ci sono anche due Br del commando che sequestrò Moro.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA