Arrivato dalla Cina un altro carico con 6 milioni di mascherine. Di Maio: “Ne servono 100 milioni al mese e grazie ai contratti firmati dalla prossima settimana potremo andare a regime”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un nuovo carico di 6 milioni di mascherine è arrivato, questa mattina, all’aeroporto di Fiumicino. A renderlo noto è il ministro degli Esterti, Luigi Di Maio, pubblicando un video su Facebook. “Come ministero degli Affari Esteri – scrive Di Maio – stiamo continuando a raccogliere milioni e milioni di mascherine e migliaia di ventilatori polmonari in tutto il mondo. Anche questa notte a Fiumicino è arrivato un altro carico da 6 milioni di mascherine dalla Cina, subito sdoganato dal personale dall’Agenzia Dogane e Monopoli-ADM. Grazie al lavoro del Dipartimento Protezione Civile e del commissario straordinario Arcuri, che stanno lavorando senza sosta e ce la stanno mettendo davvero tutta, si provvederà alla distribuzione”.

“Fino a quando ci sarà questa emergenza – aggiunge nel post Di Maio – il ministero degli Affari Esteri non si fermerà un attimo per procurare tutto il materiale sanitario necessario a supportare chi sta fronteggiando il coronavirus nei nostri ospedali. Adesso le questioni sono due. L’Italia necessita di 100 milioni di mascherine al mese e, grazie ai nuovi contratti firmati, dalla prossima settimana potremo andare a regime. Il secondo punto è la distribuzione sul territorio nazionale: usiamo tutte le forze dell’ordine disponibili e tutti i magazzini degli apparati dello Stato, per far arrivare mascherine e materiale sanitario in tutti i nostri ospedali. Adesso più che mai è fondamentale il lavoro di squadra”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA