Attacco alla sinagoga di Vienna, ci sono diversi morti e feriti. C’è stata un’esplosione e un uomo è in fuga. La polizia non esclude l’attentato terroristico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un attacco terroristico è avvenuto, questa sera, nel centro di Vienna, nei pressi della sinagoga, a Schwedenplatz. Sono stati sparati diversi colpi, uno degli autori si sarebbe fatto saltare in aria con una cintura esplosiva. Alcuni complici sarebbero in fuga. La polizia ha chiesto alla popolazione di evitare la zona. Secondo l’edizione online del quotidiano viennese Kurier, il bilancio dell’attacco sarebbe di sette morti, tra cui anche un poliziotto. Ci sarebbe anche stata un’esplosione. Varie sparatorie – secondo la stessa fonte – sarebbero avvenute in diverse zone sempre nei pressi della sinagoga.

La sinagoga e gli uffici annessi erano chiusi quando sono stati esplosi gli spari. Il direttore del settimanale Falter Florian Klenk, che si trovava nella redazione, ha udito gli spari e, affacciandosi dalla finestra ha visto un uomo in fuga verso lo Schwedenplatz. Su Twitter in un primo momento ha parlato di un attentato alla sinagoga, citando fonti non meglio precisate del ministero degli interni, per poi ipotizzare in un secondo tweet invece un attacco a un vicino bar.

Il ministro dell’Interno austriaco, Karl Nehammer ha invitato i cittadini a Vienna non uscire e conferma la possibilità di diversi morti e feriti nell’attacco in corso nella capitale austriaca. Lo ha riferito in diretta alla televisione austriaca oRF2. Intanto la polizia viennese ha esortato le persone che hanno video di quanto sta accadendo di non diffonderli e non scaricarli sui social ma di caricare il materiale sul sito dello stesso ministero. Secondo lo stesso ministro si è trattato “apparentemente di un attentato” compiuto da più persone. Nehammer ha confermato che ci sono diversi feriti e probabilmente anche vittime. L’operazione delle forze speciali è ancora in corso.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA