Ballarò, Giannini si gioca il posto. Riparte il talk nel mirino di Campo Dall’Orto. Nella Tgr Morgante alle prese con il caso Sardegna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Massimo Giannini come Juan Iturbe. E lui che è un romanista doc non si offenderà di sicuro per il paragone con il calciatore argentino, costato fior di quattrini ma che alla prima stagione in giallorosso ha parzialmente steccato (seppure abbia segnato un gol decisivo nel derby con la Lazio). In pratica quello che ha fatto Giannini nella prima stagione che l’ha visto alla guida di Ballarò. Il talk ha quasi dimezzato la dote degli ascolti (portata via dal competitor Floris su La7) ma che comunque ha chiuso con una media finale del 6,7% e oltre 1,5 milioni di spettatori, restando avanti al suo irriducibile amico e avversario. In questa stagione però non ci sono alibi: né per Iturbe né per Giannini. Il conduttore riparte stasera con una novità di qualità in regia (arriva Paolo Beldì) e ospiti di qualità (dal cardinale Angelo Bagnasco a Enrico Brignano, da Matteo Salvini a Mara Carfagna e Luigi Di Maio). Nel parterre ci sarà anche Enrico Mentana che ha approfittato del fatto che Floris parte tra una settimana per andare nello studio competitor. Giannini ha ricevuto assicurazioni dal neo dg Campo Dall’Orto, che in una recente intervista al Foglio aveva detto che il suo talk preferito è quello con pochi ospiti, addirittura meglio se ce n’è uno solo. Ballarò invece di ospiti ne ha sempre parecchi. Quindi ora che c’è stato anche il chiarimento con il dg non resta che guardare gli ascolti. Di sicuro farà meglio di Gianni Riotta che sempre su Raitre non l’ha certo rimpiazzato a dovere (a proposito di share).

SARDEGNA A PEZZI
Non c’è pace per la redazione Rai di Cagliari. Dopo i continui crolli della sede, i cali di ascolti e i ritardi per la digitalizzazione, ecco che i responsabili sono finiti nel mirino del direttore della Tgr, Vincenzo Morgante, la cui recente circolare è stata disattesa. In pratica Morgante ha chiesto di evitare di girare servizi o inviare telecamere per eventi o manifestazioni ai quali partecipino giornalisti Rai ancorché autorizzati dall’azienda. Ma la redazione ha realizzato un servizio su un premio che in giuria aveva giornalisti Rai. Come finirà?

CANALI OSCURATI
L’accordo sui contenuti free in pay tv sembra ancora lontano. Non è escluso che prima o poi arrivi, tuttavia per il momento i canali di Mediaset sul bouquet di Sky non ci saranno più (per gli abbonati sono visibili solo con la digital key). Secondo l’azienda di Cologno la perdita di share è stimata intorno allo 0,2%. Mentre a Sky hanno già deciso le sostituzioni. Tasto 104 Rai4 (non subito), tasto 105 SkyUno e tasto 106 Super Fox, con il meglio di Fox.

SKY SPORT SU DI GIRI
Domenica da record per i canali Sport e Calcio di Sky, che hanno registrato una crescita di ascolti del 40% rispetto alla stessa prima domenica di settembre del 2014. In onda il Gp di Monza, la Serie B, gli Europei di Basket, le Qualificazioni Europee, il grande tennis. E all’appello mancava la Serie A, ferma ai box. Il Gran Premio di Monza è stato seguito nel complesso da 1.014.164 spettatori medi, con uno share del 6,31%.