Bambini dimenticati. Ad Aleppo ancora quattromila bimbi intrappolati in quel che resta di una città distrutta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’allarme è stato lanciato da Andrea Iacomini, portavoce Unicef in Italia: “sono almeno 3.000 i bambini evacuati da Aleppo Est, ma ce ne sono ancora 4.000 intrappolati in quel che resta della città, tra cui cui molti orfani e senza famiglie, che hanno bisogno di aiuto immediato o rischiano la morte”. Un dato clamoroso nel giorno dell’#AleppoDay.

“Bisogna fare in fretta perché ad Aleppo Est sono finiti medicine, acqua e riscaldamento, case e ospedali sono ridotti in macerie – ha aggiunto – è una corsa contro il tempo. Molti dei bambini evacuati non sono vaccinati. Prima dell’assedio la copertura vaccinale era appena del 30%, copertura che ora è crollata ulteriormente fino alla fine dell’assedio. I bambini di Aleppo hanno vissuto esperienze devastanti durante l’assedio, ora sono esposti al trauma ulteriore della continua incertezza d’evacuazione o meno da Aleppo Est ed hanno bisogno di assistenza medica immediata”.

“Oggi, in occasione dell’#Aleppoday, ci auguriamo che il mondo non si volti dall’altra parte e che dall’Italia parta un grande segnale di solidarietà per questi bambini che vivono un calvario senza precedenti, che non hanno voluto”, ha concluso Iacomini.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA