Per Strasburgo Berlusconi non è un’urgenza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

La Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha stabilito che  il ricorso presentato da Silvio Berlusconi contro la  Legge Severino non seguirà una procedura “prioritaria”. Lo  ha indicato la stessa Corte ai giornalisti. Il ricorso era  stato presentato a ottobre. Inoltre la Corte di Strasburgo ha
registrato agli atti un secondo ricorso dei legali di Berlusconi riguardante la sentenza Mediaset. Si tratta della  semplice numerazione del ‘dossier’ sul quale non c’e’ ancora  un pronunciamento, ha spiegato la Corte. La decisione con la quale la Corte ha rifiutato di esaminare con procedura d’urgenza il ricorso di Berlusconi – si sottolinea a Strasburgo – non ha alcun impatto sulla valutazione di ammissibilità dello stesso ricorso. Ora i giudici andranno quindi avanti nell’esaminare l’azione legale berlusconiana per valutarne la ricevibilità ed entrare eventualmente nel merito.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA