Bonaccini inizia a ritagliarsi un ruolo nel Pd nazionale. “Centrare i temi e i provvedimenti è l’unico modo per allargare la base sociale e il consenso del partito”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nella direzione Pd che si è riunita ieri al Nazareno è arrivato anche Stefano Bonaccini, il vincitore dell’Emilia Romagna. Dopo tanti mesi di impegno in una dura campagna elettorale trasformata da Matteo Salvini in una sfida nazionale contro il governo, Bonaccini inizia a prendersi un ruolo nazionale nel partito. E fa un discorso molto politico, a tutto campo: “Io non mi rassegno a un partito tra il 20 e il 25% dei voti, perché così non saremo in condizione né di vincere, né di governare”. Il governatore ha poi ricordato che “centrare i temi e i provvedimenti è l’unico modo per allargare la base sociale e il consenso del partito. In Emilia Romagna abbiamo vinto nettamente tra i giovani, un patrimonio che va consolidato e rafforzato con politiche di apertura e opportunità”. Inoltre, “abbiamo vinto nelle periferie delle città, un altro segnale importante” e, dunque – ha concluso, “il nostro obiettivo deve essere tornare maggioranza anche tra i ceti popolari, medi e bassi, se vogliamo ridare forza alla democrazia e fiducia alle persone”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA