Bonus 550 euro per lavoratori part-time: a chi spetta, requisiti e come richiederlo

Bonus 550 euro per i lavoratori part-time: tutti i dettagli sulla misura del Governo per supportare gli italiani contro l’inflazione.

Bonus 550 euro per i lavoratori part-time: in cosa consiste la misura annunciata dal ministro del Lavoro, Andrea Orlando, contenuta del decreto Aiuti? Chi può beneficiare dell’iniziativa e quali sono i requisiti richiesti per fare domanda?

Bonus 550 euro per lavoratori part-time: a chi spetta, requisiti e come richiederlo

Bonus 550 euro per lavoratori part-time: requisiti

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ha annunciato un bonus 550 euro per i lavoratori part-time. La misura, tuttavia, è attualmente sprovvista di una legge attuativa ma il provvedimento è incluso nel dl Aiuti. Si è in attesa, quindi, della conversione in legge del testo che avverrà nel momento in cui anche al Senato verrà confermata l’approvazione già ottenuta a Montecitorio.

Nel caso in cui il bonus 550 euro dovesse essere confermato, proprio come il tanto atteso bonus 200 euro, sarà erogato una tantum e non andrà in conflitto con i 200 euro aggiuntivi previsti per il mese di luglio sempre nel dl Aiuti.

Per quanto riguarda l’indennizzo per i lavoratori part-time, la misura si rivolge ai dipendenti di società private che nel corso del 2021 sono risultati titolari di un contratto di lavoro a tempo parziale ciclico verticale.

In particolare, i requisisti richiesti per poter richiedere il bonus sono i seguenti:

  • il contratto deve includere periodi non interamente lavorati corrispondenti ad almeno un mese in via continuativa e, in totale, non inferiori alle 7 settimane e non superiori alle 20 settimane;
  • per beneficiare del bonus 550 euro part-time, il lavoratore non deve:
    • risultare in possesso di un altro contratto di lavoro;
    • percepire NASPI o pensione.

Il pagamento verrà effettuato direttamente dall’INPS e non concorrerà alla formazione del reddito del dipendente.

A chi spetta e come richiederlo

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, presentando l’iniziativa, ha dichiarato: “La ratio è quella di risarcire una platea di lavoratori, in particolare quelli occupati nei settori del commercio, del turismo e dei servizi, destinatari di un part time verticale ciclico, spesso involontario, che vedranno sospesa la loro attività e la loro retribuzione e attendono pertanto un sostentamento economico”.

Da calendario, la votazione per l’approvazione finale del dl Aiuti alla Camera si è tenuta nella giornata di lunedì 11 luglio e ha visto il M5S non partecipare al voto, come già annunciato dal presidente del movimento ed ex premier Giuseppe Conte. Il testo è atteso a Palazzo Madama per l’approvazione definitiva e la conseguente conversione in legge entro il prossimo sabato 16 luglio.

Con il bonus 550 euro per i lavoratori part-time, il Governo si pone come obiettivo quello di tutelare il potere d’acquisto di innumerevoli categorie di italiani gravati dalla crescente inflazione.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 13:07
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram