“Bud Spencer era mio padre”, chi è Carlotta Rossi e qual è la storia della presunta figlia illegittima dell’attore?

“Bud Spencer era mio padre”: Carlotta Rossi, presunta figlia illegittima dell’attore, ha deciso di rivolgersi al Tribunale di Roma.

“Bud Spencer era mio padre”: Carlotta Rossi, presunta figlia illegittima dell’attore, ha deciso di rivolgersi al Tribunale di Roma per il riconoscimento di paternità e ottenere un risarcimento danni per la mancanza della figura paterna durante la sua vita.

“Bud Spencer era mio padre”, chi è Carlotta Rossi e qual è la storia della presunta figlia illegittima dell’attore?

“Bud Spencer era mio padre”, chi è Carlotta Rossi e perché si è rivolta al Tribunale di Roma

Bad Spencer è morto da sei anni: l’attore, infatti, è scomparso esattamente il 27 giugno 2016. A distanza di oltre un lustro dalla dipartita dell’artista, ha recentemente fatto la sua apparizione una presunta figlia illegittima. Si tratta di Carlotta Rossi, una donna di 46 anni che vive e lavora a Londra con le sue due figlie e che ha deciso di avviare un percorso giudiziario di riconoscimento di paternità presso il Tribunale di Roma.

La 46enne, nel suo libro A metà disponibile dal 27 giugno 2022 su Apple Book, ha raccontato che, nonostante Bud Spencer sia stato comunque a tratti presente della sua vita, non ha mai avuto la possibilità di chiamarlo “papà” ma soltanto “Lallo”.

Nel romanzo, Carlotta Rossi ha condiviso il suo primo ricordo del padre che risale a quanto aveva appena tre anni, scrivendo: “Era arrivato a casa nostra con una valigia che a me sembrava gigantesca, ma in realtà era normale. Era piena di giochi. Ho questa immagine di un gigante dal sorriso buono, una sorta di Babbo Natale fuori stagione con la giacca blu e la valigia bianca”.

A quanto si apprende, l’attore avrebbe provveduto al mantenimento della figlia illegittima fino alla sua laurea: in questo arco temporale, le avrebbe pagato la scuola americana, il college negli Stati Uniti, le vacanze e avrebbe sempre aiutato economicamente la madre Giovanna Michelina Rossi con un bonifico mensile di 1.000 euro fino alla sua morte.

Qual è la storia della presunta figlia illegittima dell’attore?

Per quanto riguarda il procedimento giudiziario al Tribunale di Roma e la decisione di chiedere il risarcimento del danno subito per la mancanza della figura paterna nella sua vita, Carlotta Rossi ha dichiarato: “Bud Spencer era mio padre e lo dimostrerò. Non c’è un motivo per cui ho deciso adesso di avanzare le mie richieste in Tribunale e di raccontare in un libro il grande amore che ha legato mia madre a mio padre. Oggi sono pronta, prima no. E mi sento affrancata dalla promessa fatta a mia madre, mancata il 9 novembre 2015, che non avrei mai detto a nessuno chi era mio padre – e ha aggiunto –. Di mio padre non avevo il numero privato, era sempre lui a chiamarci. Quando è morta mamma ho telefonato a Giuseppe Pedersoli, il suo primogenito, di cui mi ero procurata il numero. La telefonata è durata 30 secondi, il minimo indispensabile”.

Sulla morte del padre, invece, la 46enne ha raccontato: “Mi sarebbe piaciuto andare al funerale, ma poi non avrei potuto salutarlo come avrei voluto. Così sono andata soltanto in Campidoglio, ho fatto la fila come tutti, accanto a ragazzi che avevano tatuato il suo nome e quello di Terence Hill sul braccio. Sono passata davanti alla salma, un cordone bordeaux separava ‘noi’ dalla famiglia legittima. Io ero una spettatrice”.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram