Buio totale su Giulio Regeni. Nessuna immagine del ricercatore e buchi temporali nelle registrazioni egiziane in metropolitana. La verità sull’omicidio del giovane italiano è sempre più lontana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si fa sempre più complicata e piena di nubi la strada che porta verso la risoluzione del caso Regeni. Se c’era ancora qualcuno che credeva e sperava di trovare qualche traccia di Giulio nei video delle telecamere della metropolitana del Cairo il giorno della scomparsa del ricercatore italiano per ora rimarrà deluso. Giulio Regeni non appare in nessuno di quei video. La cosa strana, però, è che quei video si interrompono presentando rilevanti buchi temporali. Perché?

“Gli accertamenti compiuti dalla Procura di Roma e dalla Procura generale d’Egitto hanno permesso di verificare l’assenza, tra quanto si è riusciti a recuperare, di video o immagini relative a Giulio Regeni all’interno o in prossimità di stazioni della metro del Cairo”. La comunicazione ufficiale è arrivata in una nota  dei due uffici giudiziari secondo cui “dall’esame delle registrazioni acquisite è emerso che vi sono diversi ‘buchì temporali in cui non vi sono né video né immagini pertanto sono necessarie ulteriori indagini tecniche per accertarne le cause.
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA