Per la prima volta dopo due mesi calano i contagi. I nuovi casi sono 196.224 e 316 i decessi. Il tasso di positività è al 15,6%

bollettino coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono 184.615 i nuovi casi di contagio registrati in Italia nelle ultime 24 ore, contro i 196.224 di ieri, e per la prima volta da due mesi in calo (di oltre il 15%) su base settimanale. I tamponi processati ieri, seocndo quanto riferisce il bollettino giornaliero del ministero della Salute, sono sono 1.181.179, circa 9mila meno di ieri, ma il tasso di positività scende dal 16,5% al 15,6%.

I decessi sono 316 (ieri 313), nuovo record della quarta ondata dopo quello di ieri: numeri simili non si registravano da aprile. Il totale delle vittime dall’inizio dell’epidemia arriva a 140.188. In leggero calo le terapie intensive, per il secondo giorno di fila: una in meno oggi, dopo il -8 di ieri, con 156 ingressi del giorno, e il totale che scende a 1.668. I dimessi/guariti delle ultime 24 ore sono 82.803 (ieri 108.198). Gli attualmente positivi crescono di 101.458 unità (ieri +87.921) arrivando al picco di 2.323.518. Di questi, 2.304.202 si trovano in isolamento domiciliare.

Rimane in salita, secondo i dati contenuti nel bollettino giornaliero, il bilancio dei ricoveri ordinari, 339 in più (ieri +242), 17.648 in tutto. La regione con il maggior numero di casi odierni (qui la mappa) si conferma la Lombardia con 39.683 contagi, seguita da Campania (+24.451), Emilia Romagna (+20.648), Veneto (17.956) e Piemonte (+14.741).

Leggi anche: Anziché il virus, Bassetti vuol debellare il bollettino. Per l’infettivologo i dati causano ansia. Ma i colleghi bocciano l’idea. Chiede di fermare il terrorismo sanitario. Ma dimentica il diritto dei cittadini all’informazione.