Canada, strage di passanti a Toronto. Furgone-killer uccide 10 persone. Arrestato il conducente: è uno studente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Strage di passanti a Toronto, in Canada. Il conducente-killer che ha ucciso 10 persone, ferendone almeno altre 15, è stato arrestato e identificato dalla polizia. Si chiama Alek Minassian, 25 anni, cittadino canadese. Il ragazzo ha noleggiato un furgone bianco e ha investito una serie di passanti salendo sul marciapiede a 70 chilometri orari.

Secondo gli investigatori sarebbe tendenzialmente da escludere l’ipotesi terrorismo. Un “attacco deliberato”, spiegano gli investigatori, anche se al momento – ha sottolineato il capo della polizia di Toronto – non ci sono connessioni con l’ipotesi terrorismo, né sono stati individuati rischi per la sicurezza nazionale”. Dalle prime indagini sarebbero emersi alcuni disturbi psichici per Minassian, descritto come una persona instabile mentalmente. Il conducente-killer sarebbe uno studente universitario iscritto al Seneca College, un ateneo specializzato soprattutto in arti applicate, design e tecnologie, e dove Minassian pare studiasse informatica.

Tuttavia nessuna ipotesi è stata ancora definitivamente esclusa. Anche perché il furgone è entrato in azione sulla Yonge Street, proprio mentre era in corso la riunione dei ministri Esteri e degli Interni del G7. L’attacco è avvenuto alle 13:30 ora locale, le 19,30 in Italia, all’incrocio tra Yonge e Finch, ad una trentina di chilometri dal luogo in cui erano riuniti i ministri del G7. L’autore della strage, poco prima di essere immobilizzato e arrestato dalla Polizia, avrebbe detto a un agente: “Uccidimi. Sparami in testa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA