Capitano di Ventura. La Nazionale debutta per la qualificazione ai Mondiali, il ct vede il fantasma di Conte: “Sono accerchiato”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Aveva sperato in un ben altro clima al suo debutto ufficiale. Ma in fondo era consapevole di un fatto: la presenza del “fantasma” di Antonio Conte. Il ct della Nazionale di calcio, Giampiero Ventura, si sente così “accerchiato” nonostante non abbia ancora disputato una partita ufficiale sulla panchina degli azzurri. La prima, infatti, è in programma questa sera – lunedì 5 settembre – ad Haifa, contro Israele, nella sfida valida per le qualificazioni al Mondiale de 2018. La sconfitta nell’amichevole con la Francia ha già fatto scattare l’allarme: del resto dopo Israele, il 6 ottobre allo Juventus Stadium, arriva la Spagna per un big match fondamentale nell’otticima del primato del gruppo G.

“Basta paragoni con il passato. Io sono accerchiato dalla critica ma questo fa parte del gioco”, ha scandito l’allenatore. “A volte faccio fatica a capire certe situazioni mentre mi piacerebbe parlare con gli interlocutori. Sento dire ‘Conte aveva vinto 3 scudetti e Ventura no’. Bene, io posso dire che mentre Conte vinceva gli scudetti, io facevo fare plusvalenze milionarie e mandavo tanti giocatori in nazionale. Anche queste sono vittorie”, ha contrattaccato Ventura.

l ct della Nazionale ha spostato poi l’attenzione sulla sfida con Israele: “Mi aspetto che la squadra migliori e velocizzi il gioco. Voglio un ulteriore passo avanti. Israele ha cambiato allenatore, è una nazionale che obiettivamente conosco poco: so che ha giocatori di assoluta qualità”. Per quanto riguarda la formazione, nell’Italia ci sono pochi dubbi: in difesa è rientrato Bonucci, che guiderà il reparto con Barzagli e Chiellini al fianco. Verratti sarà chiamato a svolgere il ruolo di play-maker con Parolo e Bonaventura a completare la linea centrale. Sugli esterni spazio a Candreva e De Sciglio, che però è in ballotaggio con Antonelli. In attacco scontata la coppia PellèEder , vista l’assenza di Belotti per problemi fisici.

Israele (4-5-1): Goresh; Ben Bitton, Tzedek, Tibi, Davidzada; Zahavi, Kyal, Nir Biton, Kehat, Ben Haim; Hemed. Ct: Levy.

Italia (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva, Parolo, Verratti, Bonaventura, Antonelli; Pellè, Eder. A disp.: Donnarumma, Marchetti, Astori, De Sciglio, Ogbonna, Rugani, Montolivo, Florenzi, Bernardeschi, Gabbiadini, Immobile, Pavoletti. Ct: Ventura.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA