Caso Palamara, chat e intercettazioni con l’ex pm inguaiano altri magistrati. Dalla procura generale azioni disciplinari contro 27 toghe

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Sono 27 i magistrati per i quali la procura generale ha già esercitato l’azione disciplinare per i fatti emersi da chat e intercettazioni. Mi sono assunto la responsabilità di fare linee guida per fare chiarezza su quali siano e quali no i comportamenti disciplinarmente rilevanti, ho ricevuto anche critiche, ma questo è il momento di assumersi responsabilità”. E’ quanto ha detto il Pg della Cassazione, Giovanni Salvi, intervenendo al plenum del Csm a proposito delle indagini della Procura di Perugia sul conto dell’ex pm romano, Luca Palamara. “Mi sono assunto la responsabilità di fare linee guida per fare chiarezza su quali siano e quali no i comportamenti disciplinarmente rilevanti, ho ricevuto anche critiche, ma questo è il momento di assumersi responsabilità”, ha aggiunto Salvi, secondo il quale la “stessa scelta andrebbe fatta dalla prima e dalla quarta Commissione del Csm per avere indicazioni generali a cui attenersi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA