Catalogna, pesanti condanne per gli indipendentisti: 13 anni di carcere all’ex vice presidente Junqueras. Erano accusati di sedizione e appropriazione indebita

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Corte Suprema spagnola ha condannato l’ex vice presidente della Generalitat catalana, Oriol Junqueras, a 13 anni di carcere insieme ad altri 11 imputati, tra i quali diversi ministri. I leader indipendentisti sono stati riconosciuti colpevoli di sedizione e appropriazione indebita per aver proclamato l’indipendenza del parlamento catalano nell’ottobre del 2017. Il processo era iniziato a febbraio. Tra i 12 condannanti, che si trovavano già in detenzione preventiva, oltre a Junqueras, c’è l’ex speaker del parlamento catalano, Carmen Forcadell (12 anni), e i leader indipendentisti Jordi Sa’nchez e Jordi Cuixart, e gli ex ministri catalani Dolors Bassa, Joaquim Forn, Raul Romeva, Jordi Turull e Josep Rull. Gli altri tre imputati, che erano in stato di libertà, Carles Mundo, Meritxell Borra’s, Santi Vila, sono stati condannati a delle ‘ammende’. “Torneremo più forti, più convinti e fermi che mai”, le prime parole di Junqueras.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA