Cda Rai, la carica dei 236 aspiranti consiglieri di Viale Mazzini. Quattro saranno scelti dal Parlamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nella giornata di domani potremmo conoscere tutti e 236 i nomi degli aspiranti consiglieri del Consiglio d’amministrazione della Rai. La nuova riforma  prevede che quattro consiglieri siano di nomina parlamentare: due eletti dalla Camera e due dal Senato. Saranno in tutto sette i componenti. Oltre ai quattro scelti dal Parlamento, altri due sono indicati dal ministero dell’Economia e l’ultimo dai dipendenti di Viale Mazzini.

Alla Camera sono state inviate 196 domande, mentre al Senato 169, 129 però, sono coloro che hanno inviato il proprio curriculum in entrambi i rami del Parlamento. Complessivamente sono quindi 236 i candidati.

Tra i nomi c’è sicuramente quello di Carlo Rienzi. Il nome del presidente del Codacons è stato presentato dal Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori e dall’associazione utenti radiotelevisivi. “I tempi sono ormai maturi per consentire l’ingresso di un rappresentante degli utenti ai vertici della tv di Stato – hanno spiegato le due associazioni in una nota congiunta – Finora i membri del CdA Rai sono stati scelti col metodo della spartizione politica, che non solo non ha dato risultati ma ha pesantemente danneggiato la rete e, di conseguenza, i cittadini che pagano il canone”.