C’è Sanremo, canta che ti passa. Scatta il Festival e tutto passa in secondo piano. La Sony schiera la squadra più forte. Noemi in pole

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Sanremo è Sanremo. A quanto pare, non c’è uno slogan più azzeccato di questo. Quando le luci dell’Ariston si illuminano in tv non si parla d’altro. Una magia che fa sparire i programmi dei competitor. I palinsesti vengono sconvolti per dare risalto alla kermesse. A cominciare dai contenitori del mattino e del pomeriggio. Un’overdose annunciata che però finisce per fare del male proprio al grande padrone del Festival. Carlo Conti cambia aspetto nella settimana festivaliera. Vuoi per lo stress, vuoi per la responsabilità (quest’anno ha sulla coscienza anche la conferma di Giancarlo Leone alla direzione di rete), il conduttore si baudizza. Fa lo splendido nelle interviste, si veste di una spavalderia insolita per uno come lui, sempre pronto ad aprire la porta al suo pubblico come un fedele servitore. A Sanremo no: anche Conti diventa un supereroe. Mentre tornano a galla tutti quei personaggi che nel resto dell’anno se ne stanno chiusi in cantina. A cominciare da Cristiano Malgioglio e Valeria Marini.

IL PROGRAMMA – Stasera si parte con i primi 10 della sezione Campioni (si fa per dire, già big ci sembra eccessivo). Arisa, Bluvertigo (con Morgan), Giovanni Caccamo e Deborah Iurato, Dear Jack, Irene Fornaciari, Lorenzo Fragola, Noemi, Rocco Hunt, Enrico Ruggeri e Stadio. Tra gli ospiti più attesi, Elton John, Laura Pausini, Aldo Giovanni e Giacomo e Maitre Gims. Domani si esibiranno gli altri Annalisa, Alessio Bernabei, Clementino, Dolcenera, Elio e Le Storie Tese, Francesca Michielin, Neffa, Patty Pravo, Valerio Scanu e Zero Assoluto. Tra gli ospiti Eros Ramazzotti. Quindi dando un’occhiata ai cantanti in gara non è poi così naturale accostarli a campioni. I veri campioni semmai sono gli ospiti. Quest’anno non si è badato a spese grazie ai soldi degli sponsor (giovedì toccherà ai Pooh che riabbracciano Riccardo Fogli), venerdì Elisa, sabato gran finale con Renato Zero, Giuseppe Fiorello (occhio perché ci potrebbe essere pure la sorpresa di Rosario) e Cristina D’Avena. Come ogni anno è viva la sfida sarà tra le superpotenze che spingono gli artisti.

POTERI FORTI – La Sony si presenta all’Ariston con uno squadrone: Noemi, Fragola, Michielin, Ruggeri, Hunt e Neffa. Lorenzo Suraci, il patron di Rtl 102,5 e delle case discografiche Baraonda e Ultrasuoni (quest’ultima in condominio con altri due super network, Rds e RadioItalia), punta tutto sui Dear Jack. Anche Maria De Filippi strizza l’occhiolino al gradino più alto del podio. Scanu, Bernabei (l’ex leader che se n’è andato dai Dear Jack), Annalisa e Iurato provengono da Amici. I talent sono i veri vincitori del Festival. Comunque vada a finire. I bookmaker danno favorita la coppia Caccamo-Iurato, ma occhio a Noemi e Fragola: sono le punte della Sony.

COMPETITOR – Arriva Sanremo e il Biscione batte in ritirata. Iene e C’è posta per te si fermano ai box. La strada dei miracoli va in replica. Spazio ai film. Per contro La7 ma anche Raidue e Raitre confermano senza paura la programmazione. La rete di Cairo schiera al via Floris, Paragone, Formigli e Mentana. Raitre Giannini e Sciarelli. Raidue fa riposare solo l’ispettore Coliandro mentre stasera rilancia con una puntata super di 2Next con Annalisa Bruchi che si occuperà delle opere d’arte trafugate, un patrimonio di 50 miliardi di euro e di un milione e mezzo di pezzi sottratti al nostro Paese. Da non dimenticare che sabato la serata finale dovrà vedersela con Juventus-Napoli, in onda su Sky e Premium.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA