Centrodestra, il patto di Bologna è realtà. Berlusconi, Salvini e Meloni lanciano il fronte anti Renzi. Ma il Carroccio vuole la leadership

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il patto di Bologna nel centrodestra può dirsi cosa fatta. Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia rinsaldano la loro alleanza in vista degli appuntamenti elettorali del prossimo anno quando si voterà in città chiave. “Questo non è un ritorno al passato, al 1994, alle vecchie formule, alle marmellate”, ha detto Salvini a Bologna ieri, “qui comincia qualcosa di nuovo che è guidato dalla Lega ma che è aperto a tutti gli italiani che oggi sono lontani dalla politica. Oggi si decide che se si va insieme, Renzi va a casa il prima possibile, quindi chi fa il leader è l’ultimo delle mie preoccupazioni”. L’obiettivo è quello di trovare candidati unici per le amministrative come hanno lasciato intendere anche Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni presenti ieri a Bologna. Il Cavaliere ha sottolineato che “Salvini ha portato la Lega dal 4% al più del 14%, congratulazioni vivissime, ci consente di guardare al futuro con ottimismo, consapevoli che combattendo insieme vinceremo le prossime elezioni. Con Matteo, con Giorgia e con Silvio non ce ne sarà più per nessuno. Supereremo tutti insieme il 40% e vinceremo conquistando il premio di maggioranza”. La Meloni, invece, che vorrebbe correre come sindaco di Roma ha affermato: “Qui nasce e diventa forte il fronte anti-Renzi, per mandare a casa un governo di servi”, ha detto la leader di Fdi Giorgia Meloni che vorrebbe “una grande manifestazione insieme, non come singole forze, in una piazza storica come San Giovanni o piazza del Popolo, a gennaio a Roma”. E per le amministrative: “bisogna assolutamente trovare un accordo” per candidati unici del centrodestra “anche perché hanno un impatto importante sulla politica nazionale”. “Basta al duo comico Renzi e Alfano, siete ridicoli, dimettetevi adesso, non ne avete azzeccata una, siate coerenti a andate a casa”.