Chi è Federico Palmaroli: fidanzata, vignette, vita privata e politica dell’inventore di Osho

Chi è Federico Palmaroli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi è Federico Palmaroli è il fondatore della pagina satirica Le più belle frasi di Osho”. Cresciuto a Roma, la Capitale è diventata ispirazione del suo lavoro e in particolare delle sue famose vignette.

Chi è Federico Palmaroli: vita privata

Federico Palmaroli ha 47 anni ed è nato a Roma. Cresciuto nel quartiere Monteverde è l’autore de “Le più belle frasi di Osho“, una delle pagine social di maggior successo: oltre un milione di like su Facebook e 400 mila follower su Instagram. Collabora con testate giornalistiche e programmi tv come, ad esempio, Porta a Porta di Bruno Vespa.

Ha frequentato il Liceo Classico in Prati, e poi Università, la Facoltà di Giurisprudenza che però per pochi esami non ha mai terminato. La sua carriera poi proseguita con il giornalismo.

Federico Palmaroli: fidanzata

Si hanno poche informazioni riguardo la sua vita privata. In un’intervista ha parlato così della sua idea di fidanzamento e dell’amore: “chi è che non è mai stato fidanzato e non ha mai avuto problemi di coppia? Chi non ha mai tradito? È difficile che non sia sempre vivo in noi come sentimento. L’amore è una cosa da cui nessuno scappa, così come dalle problematiche relative ai rapporti di coppia”.

Federico Palmaroli: vignette

Famosissimo per le sue vignette satiriche che lui definisce “sketch esilaranti di un Paese alle prese con profonde incertezze e contraddizioni evidenziate grazie a fulminanti battute in romanesco”.

Politica dell’inventore di Osho

Palmaroli è di formazione umanistica e ha coltivato fin dall’adolescenza un grande interesse per la tradizione popolare tipicamente romana. Roma è il suo mondo e la politica romana è protagonista quasi sempre dei suo disegni.

La politica è al centro delle sue vignette ed è oggi considerato il re della satira politica. In un’intervista, rispondendo a una domanda quanto pesa la politica nelle sue vignette ha risposto: “Non quanto ho pensato che potesse pesare. Quando ha iniziato a girare la voce che non ero orientato al pensiero unico ho detto: «Vabbè Ok. Rimarrò nella nicchietta, non farò nulla di importante». Invece ho rotto uno steccato. Se vieni da questa parte devi essere bravo il doppio per accreditarti e cercare il più impossibile di essere imparziale. Cerco di esserlo sempre”.

Addirittura, qualcuno gli ha proposto di candidarsi visto il suo seguito: “Penso sia normale” – ha commentato l’inventore di Osho – che qualcuno mi abbia già chiesto di entrare in Politica: le mie postazioni social sono un ottimo bacino di potenziali voti. Non lo farei comunque mai, perché dovrei smettere di fare quello che sto facendo: non sarei più credibile. E poi secondo me la Politica la deve fare chi ne è capace”.