Cocaina da Roma a Melbourne. Donna italiana trovata con una valigia piena zeppa di droga in aeroporto. Ora in Australia rischia l’ergastolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Era partita con una valigia piena zeppa di cocaina. Elisa Salatino, 39 anni, è stata fermata domenica scorsa all’aeroporto di Melbourne dalla polizia di frontiera. E ora rischia l’ergastolo. Quando la donna, che era partita con un volo da Roma, ha passato il suo bagaglio ai raggi X, la polizia ha notato che qualcosa non andava. I controlli hanno evidenziato la presenza di un doppio fondo assemblato attraverso un pannello di compensato. Lì sono spuntati pacchetti di cocaina, per un totale di cinque chilogrammi e un valore di mercato di circa 770 mila euro. Immediato l’arresto. Per lei l’imputazione con le accuse di importazione e possesso di una quantità commerciale di droga soggetta a controllo di confine. Un reato che in Australia prevede pene che possono arrivare fino all’ergastolo. Rinviata a giudizio al 22 maggio prossimo. Un viaggio ad alto rischio che ora rischia di diventare di non ritorno.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA