Colpi bassi ai piani alti della Rai. La Maggioni anticipa come cambierà l’informazione. E Campo Dall’Orto scrive a tutti i 13mila dipendenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

La Rai è una polveriera. Oltre all’inchiesta sugli appalti di cui si sta occupando la procura di Roma – con tanto di attentato all’auto del responsabile dell’audit di Viale Mazzini – ecco che spunta la letterina del dg. Una circolare mail che sembra una bomba a orologeria. Un messaggio in codice, visto che è stata spedita pochi minuti dopo che il presidente Rai, Monica Maggioni, aveva parlata di informazione e servizio pubblico in un’intervista concessa a Lucia Annunziata a In mezz’ora.

PAROLE
E VERSI
La Maggioni ha parlato del ruolo dell’informazione del servizio pubblico rispondendo alle domande della conduttrice (tra l’altro ex presidente Rai) e puntuale sono arrivati i puntini sulle i da parte del dg. Nella mail spedita a tutti i 13mila dipendenti di Viale Mazzini ci sono i complimenti e i ringraziamenti.Encomi alla Rai e al servizio pubblico per gli speciali sugli attentati di Parigi, professionali e tempestivi, una forza – secondo Campo Dall’Orto – che si può esprimere anche nelle prossime occasioni perché si è dimostrato di essere bravi. Si è avuta l’impressione che il dg abbia voluto ribadire che è lui il capo azienda e quindi di conseguenza lo è anche dell’informazione Rai e del servizio pubblico. E non la Maggioni che fa la presidente e quindi ha un ruolo di garanzia.

IL CASO TURCO
Secondo il Fatto quotidiano il dg non avrebbe digerito che gli inviati Rai siano stati alloggiati in un hotel da 500 euro a stanza. Ma Campo Dall’Orto dovrebbe prendersela con l’ufficio viaggi che ha gestito le prenotazioni. Ai direttori dei tg che sono rimasti a bocca aperta per le spese (visto che devono fare i conti con il budget) è stato risposto che per motivi di sicurezza non si poteva mandare un inviato lontano a 60 chilometri dalla zona rossa. Le notti di folli spese sono state due, poi anche i giornalisti della Rai sono andati nell’albergo a 100 euro a stanza. Ma perché non si prenotano le stanze qualche tempo prima? Invece di farlo all’ultimo minuto? Bah. Il G20 era programmato da tempo. Magari i prezzi sarebbero stati più economici. Quando si tratta di sprecare i soldi alla Rai vige il motto: di tutto, di più.

ASCOLTI SPECIALI
Gli sforzi fatti per l’attentato di Parigi ha premiato tutte le straordinarie. Da Mentana al Tg3, dal Tg1 a SkyTg24, alle 60 ore complessive del Giornale radio. Il programma della Annunziata invece non è decollato, nonostante lo spazio raddoppiato. Il 1° novembre era stato visto da una media di 1.159.000 spettatori con il 7,36%. Domenica scorsa, con l’intervista alla Maggioni, 967.000 e 5,86%.

FUOCO AMICO
La prima puntata del Costanzo Show è stata divertente e ricca di ospiti ma il fuoco amico della programmazione di Mediaset ha finito per danneggiarlo. Poco più del 3,6%. Intorno alle 23 i picchi di ascolti: 9,23% e 1,2 milioni. Il Segreto su Canale 5 (15,85%) e il film I poliziotti dall’aldilà di Italia 1 (8,13%) hanno sottratto pubblico. Annullando tutto il battage pubblicitario.