Contagi e focolai in crescita. Ma per Salvini non se ne parla di imporre obblighi. Specie ai più giovani, che invece sono la categoria più a rischio

Matteo Salvini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Va completata l’opera egregia del generale Figliuolo, ma non se ne parla di imporre obblighi, specie ai più giovani. Dall’inizio della pandemia, i morti tra i 10 e i 29 anni sono stati 85, vale a dire lo 0,1%”. È quanto ha detto a Repubblica, il leader della Lega Matteo Salvini a proposito della nuova ondata di contagi in corso in Italia.

“Mettiamo in sicurezza dai 60 in su, da 40 a 59 scelgano – ha aggiunto il Capitano -, per i giovani non serve. Per di più, se vogliamo il Green Pass per tutti, al momento finiremmo a ottobre, facendo saltare la stagione e le vacanze”.

Per Salvini “per andare a San Siro, con 50 mila, o a concerti da 40 mila il Green Pass ha senso, ma sui treni pendolari no, per mangiare la pizza no. Mettiamo in sicurezza genitori e nonni senza punire nipoti e figli. E presto cambieremo il criterio sui colori delle regioni”.

L’ultimo bollettino: 3.127 nuovi positivi. La regione con il maggior numero di casi è il Lazio

Intanto, tuttavia, crescono ancora i casi covid in Italia. Secondo i dati diffusi ieri dal Ministero della Salute i nuovi positivi sono 3.127 (+6 rispetto a sabato) a fronte di 165.269 tamponi effettuati che determina un tasso di positività comunque in calo all’1,89%. Diminuiscono i decessi che domenica erano 3 (-10 rispetto a ieri). I guariti sono 501 mentre gli attuali positivi salgono di 2.622 unità attestandosi a 46.113 totali. Diminuiscono i ricoveri in terapia intensiva che ieri erano 156 (contro i 161 di sabato) con 3 nuovi ingressi, in crescita le degenze ordinarie. In isolamento domiciliare ci sono 44.821 persone. La regione con il maggior numero di casi è il Lazio (471), seguita da Sicilia (404), Veneto (379) e Lombardia (369).

Locatelli (Cts): “C’è una ripresa netta della circolazione virale nel Paese”

Dati che, secondo il coordinatore del Cts e presidente dell’Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli (leggi l’articolo), “indicano una ripresa netta della circolazione virale nel Paese”. “Come ha documentato la Cabina di regia – ha detto Locatelli e Repubblica -, l’età mediana dei contagiati è 28 anni, dato che dimostra come i contagi siano legati in buona parte alla popolazione giovane in ragione della maggior socializzazione del periodo estivo, un pò come è successo l’anno scorso”.

“Cominciano a osservare – ha aggiunto il coordinatore del Cts – da oggi (sabato, ndr) e probabilmente ne vedremo di più da domani (domenica, ndr). Del resto, è ben noto che l’incubazione del virus dura tra i 5 e i 7 giorni. Gli assembramenti e gli affollamenti hanno favorito la circolazione virale. Basta pensare anche ai focolai legati ai quarti e alle semifinali già individuati a Roma”.

“Credo che vadano fatte scelte per contrastare la ripresa della circolazione virale. Dare accesso a determinate attività a chi è stato vaccinato, o comunque ha il certificato verde, è una strategia inevitabile. Penso a concerti, grandi eventi, stadi, cinema, teatri, piscine palestre. In questi casi è fuori discussione la necessità del documento”.

“Premesso che la scelta spetta al decisore politico – ha concluso Locatelli – a titolo personale, dico che va considerato seriamente anche il Green Pass per mangiare al chiuso nei ristoranti. Peraltro, chi esita a tornare nei ristoranti credo che lo farebbe con più tranquillità sapendo che vi hanno accesso persone con il certificato”.

Leggi anche: Per i due Matteo il vaccino può attendere. Renzi vago: dice che lo farà a giorni. E Salvini l’ha già rinviato tre volte.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA