Conte sale sul predellino. Leader in pectore dei 5 Stelle e dell’alleanza giallorossa. L’avvocato apre a Draghi e rinsalda l’asse M5S-Pd-LeU. Mandando all’aria il complotto di Iv che voleva il suo scalpo

GIUSEPPE CONTE
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I riflettori erano puntati su di lui. Tutti a chiedersi: e ora? cosa farà Giuseppe Conte? In pochi pronti a scommettere che proprio l’avvocato pugliese, costretto a lasciare Palazzo Chigi per la spregiudicatezza di Matteo Renzi, potesse essere l’uomo decisivo a condurre la mediazione per Draghi. E invece sì. La mossa del cavallo stavolta l’ha fatta lui. Con un’uscita a sorpresa spiazza e disegna nuovi equilibri per il breve e il lungo termine. Con l’effetto finale di relegare ai margini il senatore di Rignano. La notte precedente si è tenuta la sofferta assemblea dei gruppi M5S in cui si sono cristallizzate le posizioni di chi è per il no a Draghi e chi appare dialogante, pronto soprattutto a considerare la possibilità di un esecutivo a guida dell’ex presidente della Bce con una chiara connotazione politica.

Luigi Di Maio fa emergere una linea precisa: esecutivo politico, ascoltare Draghi e poi decidere cosa fare. Una posizione che ieri mattina l’ex capo politico dei 5 Stelle fissa in una nota: “Non abbiamo cercato noi lo stallo, ma è proprio in queste precise circostanze che una forza politica si mostra matura agli occhi del Paese. In questa fragile cornice, il Movimento a mio avviso ha il dovere di partecipare, ascoltare e di assumere poi una posizione sulla base di quello che i parlamentari decideranno. Siamo la prima forza politica in Parlamento e il rispetto istituzionale viene prima di tutto”.

Poi tocca a Conte parlare. Ed è in piazza Colonna che decide di annunciare la sua discesa in campo. E lo fa con alcuni messaggi precisi. Il primo serve a far uscire dalle sabbie mobili il M5S, a ricompattarlo e a farlo convergere sulla linea già indicata da Di Maio: considerare il sì a un esecutivo politico presieduto dall’ex numero uno di Francoforte. E a questa linea si sarebbe convertito anche, e soprattutto, Beppe Grillo che pare abbia avuto molti contatti in queste ore con Conte. “Qualcuno mi descrive come un ostacolo alla formazione del nuovo governo evidentemente non mi conosce o è in malafede. Io ho sempre lavorato per il bene del Paese”, dice l’avvocato pugliese. Una chiara apertura a Draghi accompagnata da una postilla: “Le urgenze del Paese richiedono scelte politiche, non possono essere affidate a squadre di tecnici”.

Rimane, certamente, un’ala dura e pura contraria all’uomo che Alessandro Di Battista ha definito “l’apostolo delle élite” ma che questa arrivi alla scissione è tutto da vedere. “Agli amici del M5S dico: io ci sono e ci sarò”, è il secondo messaggio. Un’offerta strategica la sua considerando che proprio nelle prossime settimane il M5S dovrà varare la nuova squadra di comando. Le modalità del “contributo” – se esterne o interne – si studieranno strada facendo. Garante del governo Draghi, garante e risorsa (se non addirittura possibile leader) del Movimento e – questo il terzo messaggio – garante e federatore di quell’alleanza M5S-Pd-Leu (con all’orizzonte una futura candidatura a premier) che un domani se la giocherà col fronte sovranista.

“Agli amici del Pd e di Leu dico che dobbiamo lavorare tutti insieme perché ‘l’alleanza per lo sviluppo sostenibile’ che abbiamo iniziato a costruire è un progetto forte e concreto”, dichiara. E in questa alleanza giallorossa non c’è spazio alcuno per colui che gli ha mosso una lotta senza quartiere: Renzi e la sua Iv. Sul futuro di Conte sono circolate indiscrezioni di ogni tipo: ministero degli Esteri, vicepresidenza, un ruolo a livello internazionale (magari alla Commissione Ue). Si vedrà. Quello che conta oggi è altrove. “Desidero ringraziare il presidente Mattarella, è stato un prezioso interlocutore sia nei rapporti istituzionali sia in quelli personali”, dice Conte. E il Colle ricambia. Il capo dello Stato apprezza sia il gesto che le parole pronunciate dal premier uscente sull’incarico a Draghi. Ma il plauso è unanime.

Per il M5s riprende la parola Di Maio: “Il Movimento gli è riconoscente e continuerà a essere protagonista anche grazie a lui”. Il numero uno del Pd Nicola Zingaretti parla di “grande responsabilità e lungimiranza”. Per Dario Franceschini “il suo impegno diretto rafforza la prospettiva di una alleanza politica nata con l’esperienza del suo governo”. Ringrazia Conte anche Leu: “Dobbiamo continuare a lavorare insieme per costruire un’Italia più forte e più giusta”, dice Roberto Speranza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA