Coronavirus, Arcuri: “Evitare i contagi a costo di qualsiasi sacrificio. Bisogna inondare l’Italia di tutto quello che serve come in guerra”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I cittadini capiscano che devono aiutarci a evitare i contagi a costo di qualsiasi sacrificio”. E’ quanto ha detto il nuovo commissario all’emergenza coronavirus, Domenico Arcuri, intervistato a DiMartedì. “L’obiettivo delle misure prese dal presidente Conte – ha aggiunto l’Ad di Invitalia – è non far propagare l’emergenza nella stessa dimensione su tutto il territorio, se i cittadini collaborano penso possa accadere.  Dobbiamo correre, bisogna inondare l’Italia di tutto quello che serve, a partire da mascherine e respiratori”.

“Abbiamo già distribuito molti milioni di mascherine – ha aggiunto Arcuri – e acquistato 4.950 respiratori per la terapia intensiva. L’obiettivo è raddoppiare i posti di terapia intensiva in Italia, consapevoli che questo è molto ma non ancora tutto, corriamo per dotare gli italiani di tutto quello che serve. Dobbiamo ripristinare un pezzo di industria nazionale che non c’è più. Le guerre commerciali e le epidemie globali rispondono alle stesse regole, ne escono meglio i paesi che si attrezzano. Ci sono molte aziende solidali e disponibili a riconvertirsi, c’è un clima straordinario nel Paese e speriamo che questo ci aiuti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA