Coronavirus, Brusaferro: “Le valutazioni del rischio non sono pagelle. Nella cabina di regia non si fa politica. Già dalla prossima settimana possibili miglioramenti negli indicatori”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Le valutazioni del rischio a livello regionale non sono pagelle, ma strumenti che ci aiutano a navigare. Non sono valutazioni né positive, né negative. Nella cabina di regia non si fa politica: siamo un organo tecnico che si occupa di sanità pubblica”. E’ quanto afferma a Repubblica il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, a proposito delle ultime misure di contenimento dell’epidemia adottate in Italia.

“Già dalla prossima settimana – aggiunge il numero uno dell’Iss – speriamo di vedere miglioramenti negli indicatori dell’epidemia. Se rispettiamo i divieti, potremo ridurre la diffusione del virus e riaprire le attività commerciali”. Alla domanda su come si può fare a rendere i divieti più convincenti, Brusaferro a risposto così: “Ci dev’essere l’impegno di tutti”.

“Chi si occupa di scienza – ha detto ancora Brusaferro – deve rappresentare i dati nella maniera più scientifica possibile, e lo stesso chi ha il compito di comunicarli. Non esistono scorciatoie, non azzereremo l’epidemia finché non avremo il vaccino, ma possiamo arrivare a una nuova normalità di convivenza col Covid. Se ci atteniamo alle prescrizioni, avremo un Natale diverso dall’anno scorso, ma sereno”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA