Coronavirus, Crimi: “La situazione è disastrosa. Servono risorse e provvedimenti eccezionali per sostenere l’economia. Per farlo servirà anche nuovo deficit”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Le misure devono essere prese, ma non devono essere sparati numeri a caso. La situazione è disastrosa, non solo nelle zone cosiddette rosse, ma in tutta l’Italia. La paura si sta contagiando in Italia e fuori”. E’ quanto ha detto il capo politico pro tempore del Movimento 5 Stelle e vice ministro dell’Interno, Vito Crimi, ai microfoni di Radio 24, a proposito delle misure messe in campo per l’emergenza Coronavirus. “La soluzione oggi – ha aggiunto – è avere risorse per poter sostenere le nostre imprese, per farlo servirà anche nuovo deficit. Nei prossimi mesi i primi effetti reali sull’economia del Paese si inizieranno a vedere e lì dovremmo essere pronti con provvedimenti eccezionali”.

“Il nostro è sempre un atteggiamento leale e continueremo ad averlo, poi quando succedono queste cose ci si confronta e si va avanti”, ha aggiunto Crimi sottolineando di non aver gradito che il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, abbia annunciato misure “sui giornali nel giorno della sua elezione (leggi l’articolo, ndr), ma non ci interessa la polemica”.

“Una delle cose che sosterremo nei prossimi giorni – ha aggiunto Crimi – è mettere in atto lo sblocca cantieri, che prevede la nomina di commissari straordinari su tante opere strategiche. E questi commissari hanno la possibilità di derogare al codice degli appalti. Noi daremo una lista di cantieri da sbloccare”.

“L’ipotesi non è mai esistita, forse era nella testa dei due Matteo ma non è mai stata presa in considerazione. Non è che una stupidaggine poi deve essere corroborata da commenti. Già questo è un governo nato per l’unità nazionale dopo una crisi innescata ad agosto” ha detto il leader M5S a proposito della possibilità di un governo di unità nazionale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA