Cose turche nelle scuole

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli studenti turchi dovranno stare in classe con la «faccia visibile». Vietati nelle scuole turche piercing, tatuaggi, trucco e capelli colorati. Persino berretti e sciarpe con simboli politici. Il nuovo «bon ton» scolastico voluto dal premier Erdogan, e che minaccia di innescare nuove tensioni, è stato pubblicato dalla Gazzetta ufficiale. Dopo l’attacco ai social network, che suscitò polemiche in tutto il mondo, ecco che il governo di Ankara pubblica le nuove norme di abbigliamento e comportamento per i ragazzi in età scolare.

BERRETTI E SCIARPE

La scure di Erdogan si abbatte anche su berretti, sciarpe, cappelli, borse e altri accessori che portano simboli politici.

NIENTE BARBA E BAFFI PER I MINORENNI

In classe non saranno tollerati piercing, tatuaggi, trucco e capelli colorati. Banditi per i minorenni anche baffi e barbe di ogni sorta. La protesta dei ragazzi si sposta ora sui social network, un braccio di ferro che si rinnova.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA