Così la Trump Tower divenne per qualche ora su Google “Grattacielo Spazzatura”

dalla Redazione
Mondo

Non si può dire che l’autore non abbia avuto un’intuizione ricercata, mista a una buona dose di ironia. Certo è che l’autore del “misfatto” ha ribattezzato lo sfarzoso edificio di Donald Trump a Manhattan, la cosiddetta Trump Tower, in “Dump Tower”, traducibile in italiano come “grattacielo spazzatura”.

Il nomignolo dato al palazzo di Trump è apparso su Google Maps per qualche ora. Chi sia stato, per ora, non è dato saperlo. La modifica del nome di punto di riferimento sembra essere un procedimento manuale che richiede l’autorizzazione da un dipendente. Ecco perché c’è chi pensa che il gesto sia stato compiuto da un dipendente di Google, un’indiscrezione questa però non confermata.

Secondo le regole di Google, le modifiche al database delle mappe devono essere riviste manualmente da qualcuno dell’azienda. Quindi qualcuno avrebbe dovuto confermare il nuovo nome. Su Twitter alcuni supporter di Trump hanno fatto sentire la loro voce prendendosela con Google.