Covid in Italia: l’Rt sale a 1,30 con otto regione a rischio alto e 13 moderato. Scatta l’allerta Oms per l’estate: “Virus circolerà ad alti livelli”

Covid in Italia: la situazione in base agli ultimi aggiornamenti non migliora anzi i rischi aumentano così come i contagi.

Covid in Italia: il virus circola e la situazione sicuramente non migliora. Il Ministro Speranza ha richiamato l’attenzione: “Le mascherine sono e restano fondamentali. Abbiamo un obbligo più limitato e abbiamo una raccomandazione che continuiamo a fare con forza”. Ecco la situazione rispetto agli ultimi aggiornamenti ufficiali.

Covid in Italia: l’Rt sale a 1,30 con otto regione a rischio alto e 13 moderato. Scatta l’allerta Oms per l’estate: “Virus circolerà ad alti livelli”

Covid in Italia: l’Rt sale a 1,30 con molte regioni a rischio alto

L’ultimo monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia di Covid-19 parla chiaro: il virus circola e la situazione non migliora. Sale l’occupazione delle terapie intensive (2,6%) e in aree mediche (10,3%). Si registrano tredici Regioni a rischio moderato, mentre scendono da 9 a 8 le Regioni classificate a rischio alto. Ivalori più alti (oltre 900) si evidenziano nel Lazio, in Sardegna e Veneto.

Un altro dato preoccupante e in aumento è la situazione dei malati Covid negli ospedali. Secondo il ministero della Salute con ultimo aggiornamento datato 30 giugno, il tasso di occupazione in terapia intensiva è salito al 2,6%  rispetto al 2,2% del 23 giugno. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale, invece, si attesta al 10,3% rispetto al 7,9% di una settimana prima. Nel periodo 7-20 giugno, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,30 (range 1,06-1,56), in aumento rispetto all’1,07 della settimana precedente ed oltre la soglia epidemica. Balzo dell’incidenza settimanale a livello nazionale: 763 ogni 100.000 abitanti per il periodo 24-30 giugno contro il precedente dato di 504 ogni 100mila (17-23 giugno).

Scatta l’allerta Oms per l’estate: “Virus circolerà ad alti livelli”

La circolazione del virus nell’ultimo periodo preoccupa tutti. Hans Kluge, direttore regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità per l’Europa, in un’intervista all’agenzia di stampa turca Anadolu, ha richiamato l’Europa affermando che “i Paesi hanno revocato le misure anti-Covid”, quindi “il virus si trasmetterà a livelli elevati durante l’estate” complice la variante Omicron 5 e “l’aumento dell’incidenza nelle persone a rischio di malattia grave comporterà una crescita dei ricoveri, una maggiore interruzione dei servizi sanitari essenziali e purtroppo potrebbe portare a un eccesso di morti”. Per Kluge, “indipendentemente dal fatto che i Paesi allentino o inaspriscano le misure anti-contagio, tutti possiamo fare la nostra parte per proteggere noi stessi e gli altri, seguendo alcune semplici pratiche come il lavaggio regolare delle mani e vaccinandoci”, così da “aumentando i tassi di immunizzazione in particolare tra le persone anziane e con altre patologie croniche”.

Nella mappa del contagio in Europa, dunque, ItaliaPortogalloFrancia Islanda sono i Paesi evidenziati di rosso scuro, sono cioè a rischio elevato. Rispetto alla settimana scorsa tutta l’Italia si presenta a rischio elevato secondo i dati dell’Ecdc, con i passaggi di PiemonteValle d’Aosta e Trentino dall’arancione al rosso scuro.

Leggi anche: Covid, vaccino universale contro tutte le varianti: i test di Pfizer e BioNTech partiranno in autunno

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram