Credit Suisse, la Finanza a caccia dei nomi di altri 10mila italiani beneficiari delle polizze stipulate con l’istituto di credito. Chiesti gli elenchi alle autorità fiscali svizzere. Ballano 6,7 miliardi di euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Guardia di Finanza ha acceso un nuovo faro sulle polizze assicurative del Credit Suisse stipulate dagli italiani. I finanzieri hanno chiesto alle autorità fiscali svizzere gli elenchi relativi dei beneficiari italiani delle polizze al centro di un’indagine per frode fiscale chiuse nell’ottobre scorso con un accordo in base al quale la società si è impegnata a versare 109 milioni di euro al fisco italiano.

L’accusa sostiene che le polizze sarebbero state un escamotage che i funzionari della banca avrebbero messo a punto per permettere ai clienti italiani di portare denaro oltre il confine e nasconderlo all’erario. Finora sono stati identificati i beneficiari di 3.297 polizze grazie all’incrocio dei dati effettuato da Finanza ed Agenzia delle Entrate. Molte le contestazioni già arrivate e già riscossi 173 milioni di euro tra imposte, interessi e sanzioni.

La richiesta di cui oggi si è avuta notizia riguarda i beneficiari italiani che non sono ancora stati identificati. Si tratterebbe di 9.953 posizioni finanziarie, per un ammontare complessivo di 6.676.134.954 euro. Le prime identificazioni sono avvenute anche per effetto dell’adesione alla prima procedura di Collaborazione Volontaria, quella chiamata Voluntary disclosure. L’iniziativa è arrivata sulla base dell’inchiesta della Procura di Milano che ha portato al patteggiamento di Credit Suisse.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA