Porte girevoli politica-magistratura e riforma del Csm, i giureconsulti del Centrodestra preparano la resa dei conti con le toghe

Csm Giustizia Casellati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il magistrato sceglie di candidarsi in politica? Eletto o non eletto, non può poi tranquillamente tornare a fare il PM o il Giudice. Va precisato ben chiaro nella legge, e questa riforma ne è l’occasione. Le ‘porte girevoli’ fanno male alla politica ed alla giustizia”. E’ quanto ha detto, su Twitter, Enrico Costa deputato e responsabile giustizia di Azione, in relazione al pacchetto di emendamenti al disegno di legge sulla riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario.

“Mi auguro che si apra una fase sulle riforme che metta fine alla barbarie” del giustizialismo: ad affermarlo è, invece, la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, che in un’intervista La Stampa in cui si è detta “sgomenta” per le vicende del Csm e ha esortato le forze politiche al “senso di responsabilità”.

“L’Italia oggi più che mai ha bisogno di riforme che possano ammodernare il Sistema Paese, renderlo competitivo e in grado di affrontare le sfide di una società e di un’economia globale sempre più evoluta”, ha sottolineato Casellati.

Sulla giustizia ad avviso del presidente del Senato “da troppo tempo nel nostro Paese si assiste ad un vero e proprio cortocircuito mediatico-giudiziario”. “I processi – ha aggiunto la Casellati – prima che nei tribunali vengono celebrati sulle pagine dei giornali, in televisione, nelle piazze e ultimamente anche a colpi di post sui social. Il tema della giustizia non può essere ridotto a una guerra tra opposte “tifoserie”. Mi auguro che una volta per tutte possa aprirsi una fase di riforme che metta fine a questa barbarie”.

“Le vicende che da tempo interessano il Csm e più in generale la magistratura mi lasciano sgomenta”, ha aggiunto la presidente, “a mia esperienza al Csm è stata positiva, perché l’ho vissuta con una forte volontà di innovazione e di riforma. Tant’è che proprio al Csm, nel luglio 2016, in una seduta plenaria, ho proposto il sorteggio dei magistrati da candidare al Csm. Questa, a mio parere, e’ l’unica riforma compatibile con la Costituzione che può arginare la deriva correntizia”.