Da Arcore non escono nomi. Stallo a destra sulle Regionali. Nulla di fatto tra Matteo, Giorgia e Silvio. Decisi i profili dei candidati ma l’intesa non c’è

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di nomi non c’è ancora l’ombra, bisogna attendere la settimana prossima. Forse. Nel vertice del centrodestra fra i leader Matteo Salvini, Silvio Berlusconi, e Giorgia Meloni che si è tenuto ieri ad Arcore e che i diretti interessati definiscono in una nota congiunta essersi svolto “con grande spirito di coesione e collaborazione”, sono stati individuati al momento “i profili” dei candidati governatori. Ma i nodi su chi possa incarnare questi profili ancora rimangono. E non solo per quanto riguarda la Calabria, dove occorre trovare una soluzione per dirimere la questione Occhiuto. I veti leghisti sul sindaco di Cosenza Mario e sul fratello Roberto sono insuperabili quindi spetta al Cavaliere l’arduo compito di mediare tra le esigenze della coalizione e quelle interne al suo partito, che è sul piede di guerra per “le inaccettabili intromissioni della Lega”, che però potrebbe convergere sul nome di Jole Santelli, vice-sindaco di Cosenza e deputata azzurra.

Santelli è stata proposta da Berlusconi ai suoi alleati al tavolo delle trattative ma questi non avrebbero dato l’ok definitivo. Nulla di fatto, dunque, sebbene ormai il tempo davvero stringa – si vota in Calabria il 26 gennaio – come del resto per le altre regioni al voto nella primavera del 2020: Toscana, Puglia e Campania. In quest’ultima nonostante il candidato ufficializzato dal leader azzurro per correre ancora una volta come governatore (lo è già stato dal 2010 al 2015) sia Stefano Caldoro, si è parlato insistentemente della ex deputata ed ex ministra alfaniana Nunzia De Girolamo, ormai lanciata nello star system televisivo come “ballerina” ed opinionista che tanto è gradita a Salvini. La diretta interessata ieri ha smentito con un tweet “Caldoro, stai sereno a me ormai piace ballare e non correre. Nessuna maratona”, che però ricorda il celebre “Enrico stai sereno” di renziana memoria. In quel caso sappiamo come andò a finire.

Qualche fibrillazione, in questo caso fra Salvini e Meloni, potrebbe arrivare dalla Puglia e dalla Toscana, con l’ex ministro dell’Interno che vuole vincere in “casa di Matteo Renzi” e con FdI che sta spingendo per avere un suo uomo candidato alla presidenza. Tutto dipenderà da come si chiuderà nella regione del sud, dove i salviniani del territorio spingono affinché il nome del candidato che sfiderà Michele Emiliano sia fatto dalla Lega per dimostrare che il Carroccio sia un partito nazionale non solo a parole. Salvo sorprese, comunque, oltre alle Marche anche la Puglia dovrebbe essere in quota Meloni. Forza Italia indicherà il candidato in Calabria e Campania, mentre alla Lega, dopo l’Emilia Romagna, spetta il nome per la Toscana.

Non si sarebbe, invece, toccato l’argomento del candidato chiamato a battersi per la carica di sindaco di Roma. Intanto il Capitano ha dichiarato che la coalizione di centrodestra “sarà sempre più allargata: in tutte le regioni non ci sarà più solo una lista civica, ad esempio in Emilia Romagna ce ne saranno due se non tre a sostegno del presidente, quindi sarà una coalizione sempre più accogliente”.