Dall’Ue valutazioni sull’Italia “ingenerose e pessimistiche”. Conte: “Dopo le elezioni puntiamo ad avere un’adeguata rappresentanza nelle istituzioni europee”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Sono scoraggianti le valutazioni della Commissione Europea, non i numeri della nostra economia. Mi auguro siano sempre migliori, ma abbiamo dei segnali nel primo trimestre anche positivi, la produzione industriale e la disoccupazione. Quando abbiamo delle buone performance diciamocelo, almeno noi, visto che non ci viene riconosciuto spesso dagli altri”. E’ quanto ha detto il premier Giuseppe Conte intervenendo a margine del vertice dei leader Ue in corso a Sibiu, in Romania.

Da parte della Commissione Ue, ha aggiunto il premier,  “ci sono valutazioni che ho definito ingenerose”. “Mi limito a un fatto oggettivo: nella proiezione della Commissione noi non cresceremo più: tutte le misure che abbiamo adottato negli ultimi mesi hanno effetto zero. E’ una previsione che definirei molto pessimistica”.

“In alcune dichiarazioni in passato – ha aggiunto Conte – abbiamo visto che delle volte ci sono alcuni commissari che propendono più per la dimensione politica e in qualche misura trascurano il profilo istituzionale. Io sono per un’interpretazione del ruolo istituzionale fino in fondo”.

“Gli obiettivi dell’Italia – ha detto ancora il presidente del Consiglio – sono di avere un’adeguata rappresentanza negli organi europei. Si parlerà anche di nomine e si lavorerà nelle prossime settimane, aspettiamo le elezioni europee. Il rischio dell’isolamento ce l’abbiamo sempre, è un nostro complesso, ma in realtà non siamo in effetti mai isolati in nessuna partita, confidiamo di non esserlo nemmeno qui ma bisogna lavorare”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA