Dai Giovani Turchi una proposta un po’ greca. Verducci spiega l’Italikos per provare unire il Pd sulla legge elettorale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I Giovani Turchi di Orfini propongono un Italicum 2.0, che prende spunto dal sistema greco. Il senatore del Pd, Francesco Verducci, spiega a La Notizia gli obiettivi del testo su cui punta a far convergere non solo la minoranza dem, ma anche Sinistra italiana e i centristi.

Cosa prevede la proposta?
La proposta assegna un premio di governabilità di 90 seggi alla prima lista che supera almeno il 20% dei voti. E più cresce il consenso, più è possibile ottenere la maggioranza assoluta, lasciando fermo un punto: non si possono superare i 340 seggi, come già previsto nell’Italicum. Per il resto è confermato l’impianto attuale, con collegi, capilista bloccati e preferenze.

Cosa cambia rispetto all’Italicum?
Viene eliminato il ballottaggio: si vota a turno unico. Questo toglie dalla discussione molte critiche che in questi mesi sono state avanzate.

Un modello molto vicino a quello greco che non sempre ha garantito governabilità…
È stato definito modello greco, ma preferisco parlare di Italicum 2.0: risponde appieno alla esigenza di avere un vincitore chiaro in grado di governare e conserva quella che per noi è la grande innovazione dell’Italicum: il premio alla lista e non a coalizioni spurie rimettendo i partiti al centro della nostra democrazia. Credo che questa proposta possa cogliere i temi posti sia dai centristi sia da Sel-Si, oltre che compattare il Pd, venendo incontro ai rilievi della minoranza.

Proporrete il testo alla direzione del Pd del 10 ottobre?
Innanzitutto depositeremo il testo in Parlamento: cerchiamo il confronto nel Pd e con tutti i partiti, a partire da quelli di maggioranza, perché pensiamo possa essere un punto d’incontro. Porteremo avanti la proposta in ogni sede.

È possibile approvare la legge prima del 4 dicembre come chiede la minoranza?
Non bisogna ragionare per ultimatum. Non si può mettere come termine per l’approvazione la mezzanotte del 3 dicembre. Si può fare la legge con un patto tra galantuomini. In caso contrario dovremmo pensare che la minoranza faccia una polemica strumentale. E non credo sia così.