Dalle parole ai fatti. Il viceministro Buffagni si sottopone al test antidroga. “Trasparenza significa questo. Sfido tutti i parlamentari che parlano tanto di cannabis light a fare lo stesso”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Negli scorsi giorni ho sfidato tutti i parlamentari che parlano tanto di cannabis light a fare il test anti-droga. Oggi a L’aria che tira mi sono impegnato a farlo io in prima persona, ecco i risultati! Trasparenza significa questo”. E’ quanto ha annunciato, in un video pubblicato sulla su pagina Facebook, il viceministro allo Sviluppo economico, Stefano Buffagni, mostrando il risultato negativo del test antidroga a cui si era appena sottoposto.

La polemica sul test era stata innescata dal “no” da parte del centrodestra all’emendamento sulla cannabis light che il M5S aveva proposto di inserire in Manovra. “Sfido Salvini e tutto il Parlamento – aveva dichiarato nei giorni scorsi lo stesso viceministro -. Leggo che oggi le opposizioni, Lega & co, hanno avuto reazioni scomposte sul tema della cannabis light”.

“Io credo che mettere delle regole chiare sulla vendita di cannabis light – aveva detto ancora l’esponente pentastellato – possa solo fare bene a un settore che potenzialmente può creare tantissimi posti di lavoro e togliere mercato alle mafie! Ma visto che Salvini e Meloni fanno i puritani sfido loro e tutti i parlamentari a fare il test anti-droga, non solo sulla cannabis light! Così vediamo se si parla seriamente o è solo propaganda elettorale”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA