Decreto intercettazioni, al Senato passa con 156 Sì la fiducia al Governo. Renzi non ha partecipato al voto. Il provvedimento ora andrà alla Camera

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Palazzo Madama ha votato la fiducia posta dal Governo sul decreto intercettazioni. L’Aula si è espressa con 156 voti a favore, 118 contrari e nessun astenuto. Il provvedimento passa ora all’esame della Camera. Pd, M5s, Italia viva, gruppo Misto-Leu e 5 senatori delle Autonomie hanno votato compatti a favore della fiducia. Dei 18 senatori del gruppo di Italia Viva, non hanno partecipato al voto solo il leader Matteo Renzi (in congedo) e Tommaso Cerno (assente). Contro la fiducia hanno votato Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia oltre a Gianluigi Paragone, espulso dal M5S e ora al gruppo Misto, Carlo Martelli e Matteo Richetti entrambi del Misto ed Emma Bonino di +Europa.