Di Caprio spegne le luci a Zalone. Irrompe nelle sale Revenant, è subito boom di incassi. L’attore americano grande favorito per l’Oscar

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Elena De Blasi

La marcia di avvicinamento al primo Oscar della carriera prosegue. Leonardo Di Caprio questa volta non può fallire il suo appuntamento con la prima statuetta. Il suo film sta sbancando il box office anche in Italia. Alla seconda settimana di programmazione Revenant-Redivivo, l’epopea tra i ghiacci di Alejandro Inarritu con Leonardo DiCaprio, spodesta il supercampione di incassi Quo Vado? e conquista la prima posizione della classifica del botteghino italiano, come già accaduto negli Usa. Revenant ha guadagnato 3 milioni 712 mila raggiungendo gli 8 milioni 206 mila totali. Il film con Checco Zalone comunque continua a mietere incassi (altri 2 milioni 337 mila in questo fine settimana) e a macinare record. Ora è sopra quota 62 milioni sempre più vicino ai 65 di Avatar, il film con maggiori incassi in Italia secondo dati Cinetel. Stabile in terza posizione il Sylvester Stallone di Creed – Nato per combattere che incassa 1 milione 282 mila e supera i 4 totali. Ben quattro i film esordienti nella top ten: Se mi lasci non vale (1 milione 103 mila di incasso), Steve Jobs (665 mila), Piccoli brividi (428 mila) e The Pills – Sempre meglio che lavorare (357 mila).

OSSESSIONE
Per Leonardo Di Caprio la conquista dell’Oscar rappresenta un traguardo fondamentale per la sua carriera, anche perché per un motivo o per un altro gli è sempre sfuggito. A riguardo si sono pure fatte delle illazioni sul fatto che l’attore non fosse poi tanto amato dalle lobby care all’Academy Award. Nemmeno le sue numerose interpretazioni, a cominciare da Titanic, l’anno consacrato come il migliore. DiCaprio è alla sesta nomination e ha dichiarato che più di quanto abbia fatto in Revenant non può fare.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA