Di Maio: “Andiamo avanti per altri quattro anni e andiamo avanti per la nostra strada”. Ecco i prossimi passi dell’esecutivo dal salario minimo all’acqua pubblica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La stampa internazionale sempre molto amica dell’Italia, si fa per dire, anche oggi tifa contro il governo e scrive che cadrà dopo le Europee. Gli piacerebbe! Andiamo avanti per altri 4 anni e andiamo avanti per la nostra strada”. E’ quanto scrive dalla Tunisia sulla sua pagina Facebook il vicepremier Luigi Di Maio. “Anche le elezioni in Sicilia – ha aggiunto il leader del M5S -, dove Zingaretti copiando Renzi si è alleato con Berlusconi firmando un altro Nazareno, hanno dimostrato che non c’è alternativa a questo governo!”

Di Maio ha poi elencato i prossimi passi che affronterà l’esecutivo gialloverde: “Aumento degli stipendi degli italiani con il salario minimo. Taglio di quelli dei parlamentari. Una legge sul conflitto di interessi per combattere mafie e corruzione. Togliere la sanità dalle mani dei partiti. Una legge sull’acqua pubblica”.

“L’Iva – ha aggiunto il vicepremier – non aumenta e non aumenterà. Non con il MoVimento 5 Stelle! Stiamo costruendo un mercato del lavoro che ridà stabilità ai lavoratori.  I numeri sull’occupazione – ha detto Di Maio commentando gli ultimi dati dell’Istat – ci raccontano cosa accade nel paese e come il Decreto Dignità sia stato la chiave di volta per far ripartire l’occupazione. Cresce in maniera costante e prolungata il numero degli occupati, 114.000 assunzioni in più rispetto a marzo 2018. Il tasso di occupazione sale di 0,2 punti rispetto a febbraio e arriva al 58,9%”.

“Oggi l’Istat certifica che il lavoro fatto con il Decreto Dignità – scrive ancora su Facebook il leader del M5S – rappresenta il punto di avvio di un nuovo mercato del lavoro. Abbiamo avuto ragione a puntare sulla stabilità del lavoro, questo ha fatto ripartire l’occupazione. Le aziende non possono perdere il bagaglio di conoscenze e esperienze dei propri lavoratori e stabilizzano chi merita. Era questo l’intento della legge che ho varato come primo provvedimento da ministro del Lavoro. Ce lo raccontano i 44.000 assunti a tempo indeterminato in più rispetto al mese di febbraio”.

“Quello del lavoro a tempo indeterminato – ha aggiunto – è un trend che cresce in modo costante da ottobre in poi. Eppure mi ricordo gli allarmi lanciati quando abbiamo varato il Decreto Dignità. Tutti a dire che sarebbe stata una catastrofe. E invece migliorano tutti gli indicatori. La disoccupazione giovanile, che resta ancora troppo alta, registra la migliore performance dal 2011 e scende al 30,2%, scende il tasso di disoccupazione generale al 10,2% con un meno 0,4 rispetto a febbraio.  Il lavoro è ancora molto, ma il trend è invertito e con l’avvio della riforma dei Centri per l’Impiego e il nuovo modello di politiche attive per il lavoro i dati miglioreranno ancora.  Lavoriamo per dare la possibilità a tutti di vivere dignitosamente.  Il 1° maggio – ha concluso Di Maio – lo dedico a tutte le persone che con i nostri provvedimenti stanno avendo la possibilità di guardare al futuro con fiducia”.