Disgelo tra Merkel e Tsipras. Ma Atene rischia più di prima. A Londra si punta sull’uscita dei greci dall’euro. E i leader per ora abbassano i toni sulla Troika

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Come al solito quello che si vede in superfice non è sempre esattamente quello che accade in profondità. E sulla vicenda del debito greco, quello che accade in profondità è la scommessa di grandi gruppi finanziari sull’uscita della Grecia dall’euro. Nella City di Londra su questo ormai si scommette apertamente. E il legame ai massimi livelli finanziari tra tedeschi e inglesi non è un segreto per nessuno. Alla grande recita dei vertici bilaterali ieri però abbiamo visto una cancelliera Merkel completamente a suo agio con il neo leader di Atene Alexis Tsipras. Dopo aver cavalcato i falchi del rigore che hanno accentuato la crisi ellenica, il quadretto era buono giusto per le foto opportunity. E chi non vuol vedere cosa si sta preparando all’orizzonte. Bruxelles ha dato infatti appena quattro mesi (uno è già finito) prima di eventualmente consentire di rinegoziare il debito con la Troika. E intanto ha sempre bocciato i piani di rifiorme – anche molto duri – fin qui presentati dallo stesso Tsipras. C’è dunque da stare tranquilli?

FRASI DI CIRCOSTANZA
A stare alle cronache ufficiali dobbiamo registrare dunque che la Merkel ha ripetuto per la centesima volta che la Germania ”vuole una Grecia forte economicamente, che cresca e che venga fuori dall’alta disoccupazione”, e in particolare “da quella giovanile”. Ma “questo richiede riforme strutturali e finanze pubbliche solide”. Ma va? Per favorire questo percorso però Berlino fin ora non ha mosso una paglia. Per questo l’accoglienza riservata dai tedeschi a Tsipras (quello che rivendica il pagamento dei danni di guerra) aveva più di una vena ipocrita. Tanto quanto i sorrisi tra i due leader stringendosi la mano davanti ai fotografi. Le differenze di vedute infatti restano tutte. “Non spetta alla Germania valutare il pacchetto di riforme della Grecia, questo è il ruolo dell’intero Eurogruppo” ha detto la cancelliera, come se i falchi non fossero proprio i tedeschi. Mentre il premier greco ha ricordato gli effetti terribili e sociali generati in Grecia da un programma di sostegno ormai alle spalle che “non è stato una storia di successo”. Il governo di Atene si è detto quindi pronto a rispettare gli impegni, realizzare le riforme strutturali e combattere l’evasione fiscale e la corruzione senza dividere l’Eurozona. Anche Tsipras, insomma, formalmente ha cambiato strategia, piegandosi a una Merkel che altrettanto osequiosa davanti lo blandisce, mentre dietro – se serve – si prepara a mollare Atene al suo destino.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA