Dopo la Procura il caso Fubini arriva in Parlamento. Il vice direttore del Corsera reintegrato nell’OdG. Ma sul caso Lannutti interroga Di Maio e Bonafede

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La vicenda ha creato non poco scalpore nel mondo del giornalismo e al di fuori: il vicedirettore del Corriere della Sera, Federico Fubini, ha lavorato con un contratto giornalistico per quasi 14 anni senza risultare iscritto all’Ordine: era stato cancellato a novembre del 2005, per morosità. In pratica, non versava le quote annua all’Odg. Due giorni fa, però, la lieta novella per il vicedirettore del Corriere: dopo aver saldato il pesante ammanco con l’Ordine dei Giornalisti, è stato reintegrato nell’albo.

Tutto è bene quel che finisce bene? Niente affatto. Dopo infatti la decisione del presidente dell’Ordine, Carlo Verna, di segnalare la questione alla Procura perché “non è assolutamente possibile che un non iscritto all’albo abbia un rapporto di lavoro in base al contratto giornalistico”, a intervenire ora è anche il Parlamento. Una flotta di senatori M5S, guidati da Elio Lannutti, ha presentato un’interrogazione parlamentare sul caso, rivolta ai ministri del Lavoro, Luigi Di Maio, e della Giustizia, Alfonso Bonafede.

Ora toccherà agli esponenti di Governo interrogati dire “se non ritengano di dover intervenire […] per la plateale violazione del Contratto nazionale dei giornalisti, che impedisce a una testata di assumere con contratto chi non è iscritto all’ordine dei giornalisti”. E, ancora, se non non ritengano opportuno “attivare le procedure ispettive” per garantire “il bene prezioso di una informazione obiettiva, oggettiva e non manipolata, sempre più subalterna agli interessi economici e di ben individuate parti politiche”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA