Draghi superstar al Quirinale. Tutti a baciare la pantofola dell’ex governatore della Banca centrale europea

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

C’era il premier Giuseppe Conte, quasi al completo la maggioranza di governo (a parte Matteo Renzi) mentre si è presentata solo Giorgia Meloni, fra i leader del centrodestra, al tradizionale scambio di auguri natalizi chez Mattarella al Quirinale. Ministri, politici, grand commis e il bel mondo che conta: tutti hanno aderito in massa all’invito presidenziale. Ospite attesissimo e oggetto di “attenzioni” bipartisan, l’ex governatore della Banca centrale europea Mario Draghi, riservatissimo come al solito ha glissato amabilmente le domande dei giornalisti presenti che lo incalzavano con domande maliziose del tipo se si sentisse già “a casa” al Colle.

Da mesi il suo nome viene infatti tirato in ballo, prima come premier di un governissimo, poi come principale pretendente alla carica di presidente della Repubblica, poi di nuovo in questi giorni da Giancarlo Giorgetti come profilo perfetto per la guida di un eventuale governo di scopo, magari di un “comitato di salvezza nazionale per riscrivere le regole base e per poi tornare al voto”, per usare le parole di Matteo Salvini. Quando entra nel salone delle feste, Draghi incontra Nicola Zingaretti, con lui una stretta di mano, come con Luigi Di Maio e Mara Carfagna e con tanti altri. Sorrisi per tutti ma poche parole, di circostanza. Con il padrone di casa, il capo dello Stato, invece un colloquio a quattr’occhi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA